tutti noi protagonisti nella comunità

Gratuità, Responsabilità, Giustizia. Questi sono i tre valori fondamentali che caratterizzano il MoVi, Movimento di Volontariato italiano. Federazione di associazioni, è un’iniziativa che nasce nel 1978 ed è articolato in un comitato nazionale di collegamento e in corporazioni regionali e provinciali.
Il MoVi è impegnato in progetti di promozione e rappresentanza del volontariato, di collegamento e sostegno alle piccole realtà associative di volontariato, di formazione alla solidarietà, con l’attivazione di progetti sperimentali sul territorio per giovani ed anziani, permettendo a tutti di essere protagonisti di nuove relazioni nella comunità.
“Dalla Grande Guerra alla Grande Pace”, è un progetto appena concluso il cui intento era quello di valorizzare la scrittura nei molteplici significati della pace: dall’azione al significato, fino all’agire su sé stessi e per la propria crescita interiore. Gli studenti che hanno preso parte al progetto hanno dovuto concentrarsi sul tema “Sconfinamenti di pace e di cittadinanza”, stendendo un racconto ambientato nel Friuli Venezia Giulia.
Il bando ha visto i vincitori Leonardo Zizzutto e Nicolò Cortesia del Liceo delle Scienze Applicate Arturo Malignani (UD), rispettivamente al primo e al secondo posto; è stata invece Valentina Cortesia del Liceo Scientifico Giovanni Marinelli (UD) a conquistare il secondo posto. I primi dodici racconti sono stati pubblicati in un opuscolo, in collaborazione con il Circolo Culturale Menocchio di Montereale Valcellina. Per poter richiedere una copia basta contattare la segreteria al 0432 943002 scrivendo a segreteria@movi.fvg.it. In alternativa la versione in pdf è scaricabile sul sito www.movi.fvg.it
Avere preso parte a tale iniziativa ha permesso di mettere a confronto le idee di pace che ha ogni giovane adolescente. Il concorso ha permesso di portare alla luce molte testimonianze di parenti sopravvissuti alla guerra, oppure storie tramandante di generazione in generazione. Approfondendo quest’ultimo punto, ritengo che sia stato molto emozionate prendere in considerazione uno dei racconti che hanno segnato la mia infanzia e introvabile nei libri di favole. “Storia di un aviatore” (ispirato a una storia
raccontatami quand’ero piccola dalla mia nonna materna, il cui marito ha partecipato alla Seconda guerra mondiale), mi ha infatti permesso di riflettere sul concetto di pace, arrivando alla conclusione che, l’amore, ma ancor di più il rispetto, sono gli unici che possono sconfiggere la guerra.

Alice Orsaria

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.