Un coro centenario

Nella struttura di via Dalmazia, a San Daniele del Friuli, c’è un coro composto da sei voci: la più giovane ha 85 anni, la più anziana ne compirà 103 quest’anno. E grazie a un progetto realizzato dal servizio animazione della casa di riposo, la Kcs, il coro ha anche registrato un cd, i cui proventi andranno a finanziare le future attività ricreative della casa per anziani. La nostra inviata speciale Elisa le ha intervisate e questo è il suo reportage.

« Era il giorno di San Valentino quando sono entrata nel piccolo grande mondo della casa di riposo di San Daniele per intervistare un fantastico gruppo di ospiti che intonano canzoni friulane e che, a dispetto dell’età, hanno inciso un cd.
Sono entrata e il personale mi ha fatto accomodare in un salottino per intervistare tre simpatiche nonne (Fiorina, Rina ed Antonia) che rappresentano maggiormente l’intero coro. Fiorina, classe 1930, è la più social. Mi ha risposto con un’inaspettata foga ad ogni domanda. Lei che è stata 5 anni in Svizzera non ha mai smesso di cantare e di intonare le canzoni della sua amata terra friulana.
Accanto a lei, molto più timida e riservata, Rina.
Rina, classe 1930, ha un sorriso dolce che maschera una timidezza disarmante. Lei è sempre stata in Friuli e l’unica esperienza canora che ha avuto è quella con la parrocchia. Nonostante la sua timidezza, sfoggia un outfit sportivo con tanto di felpa con una sgargiante scritta rock. Accanto a lei siede Antonia.
Antonia, classe 1930, è stata 5 anni in Canada per poi tornare nella sua amata Italia in quella piccola grande regione che è il Friuli. Lei cantava nei campi per scandire il lavoro faticoso di contadina.
Con orgoglio mi spiegano che l’idea di intonare canti friulani è partita dalle animatrici che con grande dedizione e premura accudiscono gli ospiti della struttura. Cantare ad esempio il canto popolare friulano “La villotta”, mi spiega l’educatrice Barbara Mongarli, esercita la memoria, regola il respiro senza considerare gli innumerevoli benefici che apporta al cuore.
Gli ospiti della casa di riposo e i loro parenti hanno talmente accolto favorevolmente tale iniziativa che da un semplice esercizio terapeutico si è rivelata un’incredibile opportunità di integrazione sociale degli anziani e di dialogo intergenerazionale. Sì, perché la copertina del cd è opera dei bambini della scuola materna di San Daniele. La possibilità di incidere un cd di canzoni friulane permette inoltre di salvaguardare la lingua, espressione di un’identità territoriale che non deve assolutamente perdersi. Alla domanda di rito su quale messaggio vogliono lanciare ai giovani, le mie interlocutrici mi rispondono chiare e coincise che i ragazzi devono imparare che la vita è bella e che occorre viverla a pieno senza timori o paure, perché è importante il qui ed ora.
Incuriosita dalla loro spiccata voglia di fare e di esserci, ho chiesto, un po’ intimorita, quali fossero i loro progetti per il futuro. Con tranquillità mi hanno risposto che loro desiderio è quello si esibirsi sul palco dell’Ariston, perché, se è vero che c’è ‘la vecchia che balla’ come cantato dallo Stato sociale l’anno scorso, c’è anche la voce chiara e forte delle nostre nonne.
Dopo un’oretta di intervista, le ‘mie’ nonne devono lasciarmi perché nello stesso giorno, un po’ sbalordite per l’interesse che hanno suscitato nella stampa, devono prepararsi per le riprese per la Rai. Mi fermo anche io, facendo attenzione di non comparire mai per sbaglio davanti alla cinepresa a causa della mia naturale timidezza, e ascolto con meraviglia le loro voci unirsi a quelle degli altri ospiti. Ritornerò sicuramente a trovarle.»
Elisa Del Regno

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.