Un primo maggio nazionale a Monfalcone

Alcuni stralci dai discorsi dei segretari nazionali alla festa del 1 maggio a Monfalcone:
BOMBARDIERI (UIL)  chiede al governo «misure strutturali». E guardando a «Monfalcone, dove ci sono tanti migranti che lavorano» rimarca la necessità della «non discriminazione», anche «tra uomini e donne». Ma il diritto «imprescindibile» è al «rispetto della vita» perchè «1.040 vittime e oltre 500 mila incidenti» sono evidentemente troppi: «Nessuno si senta assolto. Basta con il cordoglio di circostanza, abbiamo finito le lacrime». E ricorda l’autotrasportatore e operaio specializzato trevigiano di 69 anni, prossimo alla quiescenza, morto martedì. E alla presidente Giorgia Meloni: «Chiediamo al governo di fare di più. Cara presidente, non parliamo di lavoro solo qualche ora prima del Primo maggio, ma tutto l’anno. E anche di sicurezza: si tratta di vite umane». Dunque «confronti, non narrazione». «Oggi – conclude – non è una festa, ma una giornata di mobilitazione».
Sbarra della Cisl si sofferma su «questa terra di confine, dove si incontrano culture, religioni e sensibilità diverse, dove si scopre la ricchezza del dualismo», tra «la confidenza di lavoratori migranti e italiani»: un luogo «che vive il suo essere frontiera come incontro e unione, perché Monfalcone è questo». Anche da Sbarra un richiamo forte al contrasto degli infortuni: «Vogliamo un governo, un Parlamento che affronti il primo comandamento: la sicurezza sui luoghi di lavoro. Una battaglia che può essere vinta». Una «vergogna» per il Paese che «ci siano più di mille morti in fabbrica, nei campi, nelle comunità lavorative». «Inaccettabile che si continui a morire di amianto – sempre Sbarra – le famiglie vanno risarcite, le rendite aumentate».
LANDINI (CGIL): ritiene che i principi cristallizzati dalla Costituzione in tema di lavoro non siano oggi ancora pienamente realizzati: «Siamo una società che si fonda sullo sfruttamento del lavoro e la precarietà: questo va cambiato. E lo voglio dire ora, a Monfalcone. Come e da chi vengono costruite queste navi che escono dal cantiere, qui e negli altri stabilimenti italiani? Senza gli immigrati quegli scafi non uscirebbero». Eppure «siamo a un livello di sfruttamento inaccettabile» e pertanto «questa deve diventare una battaglia del nostro Paese». Landini ricorda che «la storia del sindacalista è di rappresentare tutti, a prescindere dal colore della pelle e il Primo maggio deve avere questo significato, cioè combattere le disuguaglianze per l’Europa che vogliamo». Inoltre è necessario «rimettere al centro lavoro, diritti e sicurezza», combattere e «superare la precarietà, aumentare i salari».

da Il Piccolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *