Vacanze talpa per tanti italiani

Non potersi permettere di festeggiare il Natale diventa ‘chic’. Crescono gli italiani costretti a rinunciare a vacanze e feste natalizie a causa della crisi. Ma passare il 24 e il 31 dicembre a lavoro fino all’ultimo minuto, concedendosi solo brindisi casalinghi, non è più una ‘disgrazia’ da nascondere, tappandosi in casa facendo credere di essere partiti. Un fenomeno, quello delle cosiddette ‘vacanze talpa’, che fino a pochi anni fa coinvolgeva circa il 10% degli italiani, decisi a non far trapelare il fatto di essere in difficoltà. A cambiare radicalmente e rapidamente l’atteggiamento nel nostro Paese è la crisi economica: responsabilità e senso pratico tendono a soppiantare sempre di più il bisogno di apparire e l’ostentazione del lusso. E’ l’analisi di Antonio Lo Iacono, presidente della Società italiana di psicologia. Un cambiamento repentino. “Ancora meno di due anni fa – ricorda Lo Iacono all’Adnkronos Salute – si registrava un aumento, soprattutto in provincia, delle persone che restavano barricate in casa per non confessare la rinuncia alle ferie per mancanza di risorse”. Questi mesi, però, hanno ‘rivoluzionato’ anche le convinzioni degli italiani. “Molti elementi hanno contribuito a questa svolta psico-sociale: il governo concentrato sui risparmi in tutti campi, i mass media che tengono alta la tensione anche sulle difficoltà di singoli, la smitizzazione del lusso nel mirino dei tagli e, infine, la generalizzazione del problema che riduce il senso di frustrazione: ‘mal comune mezzo gaudio’, insomma”. Dal punto di vista più strettamente psicologico, sottolinea Lo Iacono, “è cresciuto il senso di precarietà. Viviamo uno stato di ‘choc da paura del futuro'”, spiega l’esperto. E questo costringe a una maggiore “autenticità e responsabilità. In pratica, dover risparmiare e quindi rinunciare a qualcosa è diventato di nuovo un dovere, come ai tempi della guerra”. A questo si aggiunge, continua l’esperto, “una condivisone con gli altri nel razionalizzare, come si fa con spese collettive, i cosiddetti gruppi di acquisto, o con le vacanze spartane dividendo le spese con altre famiglie, oppure scambiando la casa”.
da una ricerca (Adnkronos Salute) –

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.