Votare è un diritto

Art. 1 Cost.
L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.
Cosa significa esprimere il proprio voto? Ve lo siete mai chiesti davvero? Ci hanno sempre ripetuto che la prima e più importante forma di partecipazione alla vita politica, alla rappresentatività, alle scelte della comunità è il voto. Una “X” a matita su un pezzo di carta. È il primo passo per esprimere le nostre scelte, i nostri pareri, i valori, il consenso, l’appartenenza. Ma cosa significa nel concreto? Non è questo il luogo per avanzare pareri o orientare al voto per questo referendum. Lungi da me, non è assolutamente questa l’intenzione dello scritto.
Negli anni come un mantra ci è stato ripetuto che “i giovani sono pigri”, “i giovani non partecipano alla vita politica e sociale”, ”non si interessano” vogliamo davvero farci raffigurare da questa frase? Sarebbe facile, adagiarsi e renderla veritiera. La partecipazione giovanile alle urne si è ridotta negli anni, questo è vero, ma una flebile fiamma si sta riscaldando, dando speranza.
Quali saranno gli effetti nel lungo periodo della mancata partecipazione al voto?
Ci vogliono ignoranti. Silenziosi. Manovrabili. Senza pareri. L’ignoranza è la chiave della felicità, ma significa anche donare potere a chi ci governa, a chi fa le nostre veci.
Quando i primi a disertare il voto sono gli stessi genitori, insegnati e all’interno della scuola è più importante essere a-politici piuttosto che formare futuri adulati critici e attivamente interessati al futuro, come ci si può aspettare che la spinta al voto nasca spontanea e intrinseca ai giovani stessi?
Da giovane a giovane, anzi spero, a giovani, non vi fate intimorire dalla complessità delle dinamiche. Non fatevi scoraggiare se le cose “non vanno, non funzionano”. Non fermatevi di fonte a una politica macchinosa, anche quando non vi rappresenta.
Votare è un diritto. La democrazia è preziosa e non possiamo darla per scontata. Il voto è una delle forme di libertà individuale più importanti che abbiamo e una delle massime forme d’espressione democratica. Dà voce alle nostre idee e garantisce che la nostra voce sia ascoltata.
Ma votare è ancor di più un dovere. Dobbiamo schierarci fermamente a favore della democrazia, e il modo migliore per farlo è votare alle elezioni. Informarci, cercare di capire anche le dinamiche più complesse. Capire.
La ritrovata partecipazione agli argomenti di attualità, attraverso “Movimento delle Sardine”, “Fridays For Future”, “Black Lives Matter” rappresentano la spinta giovanile all’interesse, al coinvolgimento, alla voglia di avere un futuro che li rappresenti. Quindi non fermiamoci solamente alla pigrizia della neutralità.
Perché siamo la spinta al cambiamento.
Michela Giovanatto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.