37 persone uccise nella recinzione di Melilla

Per  questa rubrica abbiamo ritenuto importante condividere  e firmare questa petizione per dire basta alle violenze contro  i migranti
«37 persone uccise nella recinzione di Melilla: indagate e giudicate i responsabili!
Oussama Morabit ha lanciato questa petizione e l’ha diretta a Ministero dell’Interno spagnolo
“Un giorno salterò quella recinzione, avrò un lavoro e una vita normale”, questo è quello che ho pensato quando ho deciso di lasciare il Marocco per cercare una vita migliore in Spagna.
Da quando ho letto la notizia che 37 migranti sono morti nel tentativo di scavalcare la recinzione di Melilla, tra la forza di polizia spagnola da una parte e quella marocchine dall’altra, non ho smesso di pensare che sarei potuto essere una di quelle persone o uno qualsiasi dei miei amici. Non sono solo numeri. Sono persone con nomi e cognomi, con sogni, con storie, con la speranza che, come me, hanno rischiato la vita per arrivare in Spagna. Questa brutalità non può rimanere impunita! Chiedo al governo spagnolo, ai ministeri competenti e alla magistratura di svolgere un’indagine esauriente e indipendente affinché possano essere chiariti i fatti, individuati i corpi e eseguite immediatamente le autopsie.
Ogni minuto conta. Firma e condividi ora!
Mi chiamo Oussama Morabit, sono marocchino e vivo in Spagna da 6 anni. All’età di 14 anni ho deciso di lasciare il mio paese. Ho trascorso alcuni mesi a Castillejos (Marocco), una città molto vicina a Ceuta, pensando a come attraversare il confine. Mi sono nascosto nei camion per attraversare, ho provato più volte a scavalcare la recinzione e in molte occasioni ho ricevuto colpi e violenze dalla polizia, come le 37 persone che sono morte a Melilla. Finché un giorno l’ho preso. Ho corso così veloce che la polizia non è riuscita a prendermi e sono arrivato in Spagna.
Le immagini della strage di Melilla non smettono mai di ricordarmi quei giorni. Tutto quello che mi passava per la testa, la paura, il razzismo che circonda il recinto e tutte le persone che ho incontrato lì. Tutto quello che ho rischiato per arrivare qui e le innumerevoli violazioni dei diritti che ho subito lungo la strada. Provo molta rabbia, impotenza e dolore quando vedo quelle immagini, e penso che avrei potuto essere uno di loro e che le nostre vite contano meno di quelle degli europei. Ma mi fa ancora più arrabbiare sentire il governo parlare di “mafie”, invece di assumersi le responsabilità e mettere tutti i mezzi possibili per indagare a fondo sul caso. È insopportabile che, per di più, si congratuli con le forze di sicurezza che hanno attaccato i migranti.
L’unica cosa che mi incoraggia è sapere che possiamo ancora fare qualcosa per rendere giustizia a tutte le vittime e onorarne la memoria: chiediamo che il governo spagnolo, il ministero dell’Interno, degli Affari esteri e tutti i giudici spagnoli avviino un immediatamente un’indagine per chiarire i fatti. Le immagini parlano da sole, si è pronunciata l’Onu sottolineando le violazioni dei diritti da parte di Spagna e Marocco. Abbiamo bisogno di un’azione IMMEDIATA e di un’indagine indipendente ORA per chiarire i fatti, oltre a quella che l’accusa ha avviato.
Purtroppo non abbiamo molto tempo. A Nador vengono seppelliti tanti corpi senza autopsie e il governo continua a giustificare la strage con le mafie senza assumersi la minima responsabilità. Le persone che sono riuscite a oltrepassare la recinzione sono ingiustificatamente messe in quarantena e altre sono state rimpatriate a caldo. Ho bisogno del tuo sostegno per ottenere giustizia per loro e per tutte le persone che ogni giorno cercano di attraversare il confine. Non possiamo inviare al mondo il messaggio che le morti dei migranti restano impunite. Abbiamo bisogno di un’indagine e ne abbiamo bisogno ORA. Firma e condividi la petizione!
Indagare non riparerà il dolore di tante famiglie che hanno perso i propri figli, fratelli e amici, ma è il minimo che possiamo fare. Vogliamo ottenere verità, giustizia e risarcimento. Firma e condividi la petizione, otteniamo una vera indagine giudiziaria che chiarisca i fatti affinché non si ripetano mai più. Ho nella memoria tutte le vittime e le loro famiglie e chiedo che trovino riposo, consolazione e pace attraverso le loro credenze e una giustizia che sia pienamente riparatrice.
Oussama Morabit ha lanciato questa petizione e l’ha diretta a Ministero dell’Interno spagnolo»
per firmare
leggi tutto e commenta

One comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.