8 marzo in Africa

Festeggiare l’otto marzo in Africa forse non è la stessa cosa dei nostri festeggiamenti. Un esempio ci viene dalla proposta di Amref  una delle più importanti ong africane, che ha deciso di presentare la candidatura di Esther per il premio Nobel per la Pace, edizione 2015. Ma chi è Esther Madudu: Nipote di una levatrice tradizionale, Esther Madudu ha seguito le orme della nonna; da undici anni, infatti, aiuta molte pazienti dell’Atiriri Health Centre IV di Katine, nella Contea di Soroti (est dell’Uganda) a dare la vita. A soli 32 anni, è già una professionista sperimentata nel suo ambito. È risaputo, infatti, che le condizioni sanitarie delle zone rurali dell’Africa sono alquanto difficili per mancanza di comunicazione, ambulanze, attrezzature mediche ed elettricità. E dunque la capacità di arrangiarsi e cavarsela e le nozioni apprese dalla sua antenata consentono a Esther di fare molto più del suo dovere. Infatti, oltre al suo ruolo di ostetrica (assiste al parto di 40-50 donne al mese, giorno e notte, a volte a dieci chilometri da Atiriri), cerca di fornire cure postnatali ai neonati, partecipa alle azioni di prevenzione e cura dell’Aids e di altre malattie sessualmente trasmissibili, distribuisce trattamenti contro la malaria… Nel frattempo, ha seguito un corso di formazione attraverso Internet per migliorare le sue competenze professionali e deve prendersi cura della sua famiglia. Le sue giornate sono così piene che le è accaduto più volte di lavorare quasi 24 ore su 24, senza concedersi neppure una pausa per il pranzo. L’esemplarità dell’impegno di questa giovane donna in lotta contro la mortalità infantile in Africa ha fatto sì che essa diventasse una sorta di ambasciatrice della sua professione presso alcune ong internazionali, interessate alla salute dei neonati. Così Esther Madudu è stata scelta come portabandiera di un’azione di lobbying che mira a trovare fondi per attuare un ambizioso programma di formazione di 15 mila ostetriche africane: l’obiettivo è di ridurre la mortalità materna del 25 per cento in tutto il continente, dove ancora troppe donne muoiono, dando la vita. Da un lato, se il Comitato del Nobel attribuisse il premio a Esther – e simbolicamente a tutte le ostetriche d’Africa -, sarebbe un modo per rendere omaggio all’opera titanica che il personale sanitario effettua in condizioni infernali. Ma questo gesto ridarebbe anche lustro a un premio che, negli ultimi anni, è stato oggetto di polemiche, dal momento che è stato assegnato a personaggi come Barack Obama o Ellen Johnson-Sirleaf, o a organizzazioni come le Nazioni Unite, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) e, lo scorso anno, l’Unione Europea per motivi che molti ritengono meramente politici.
Il Premio Nobel a Esther Madudu sarebbe dunque una vera e propria ricompensa attribuita a una persona reale, impegnata per una causa giusta e semplice: la vita.
da MissiOnLine

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.