Una società senza volontari

Sogniamo una società senza volontari perché interamente “costituita” da cittadini attivi e solidali. Per avvicinarci a questo ideale sappiamo che occorre continuare ad impegnarci per “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”. Oggi più che mai sappiamo che per agire efficacemente in una società complessa, multiculturale, liquida, reticolare, globale, sono sempre più necessari trasparenza dei fini, chiarezza degli obiettivi, qualità nella organizzazione e competenza nell’azione. La crisi che viviamo ha evidenziato ancor più la necessità e l’urgenza, nelle nostre società, di un salto di qualità personale e collettivo “nell’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. Ma il volontariato dovrà essere, se vorrà cambiare la società, un costruttore di legami sociali: essere espressione di sussidiarietà e partecipazione. Il volontario che vorrà sparire dovrà essere un cittadino che collabora  con le istituzioni nella progettazione sociale e nella promozione del bene comune. Dovrà essere promotore di nuovi stili di vita e valori quali solidarietà, responsabilità, pace, uguaglianza, universalità di diritti,centralità della persona, dignità, sobrietà, rispetto per l’ambiente. Dovrà costruire palestre di cittadinanza per tutti, educatore dei giovani in particolare, esempio di responsabilità e partecipazione attiva dei cittadini alla costruzione del benessere di comunità. Un mediatore tra persona, situazioni di fragilità e istituzioni, in ascolto del disagio e ideatore di proposte possibili,• capace di denuncia pubblica e di sollecito alle istituzioni per analizzare e riconoscere (rimuovere) le cause delle criticità ed delle ingiustizie e per attivare adeguate risposte. Infine e non per ultimo dovrà essere volenteroso di riflessione, spirito critico, studi e ricerca: per capire il presente e per immaginare e progettare il futuro. Quando tutti questi…sogni si saranno realizzati la società non avrà bisogno dei volontari.

la redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.