Tornando a casa dall’Assemblea del CSV

Ho partecipato sabato per la prima volta all’assemblea dell’ente gestore del nostro Centro Servizi Volontariato, di cui la mia associazione è tra i soci fondatori.

Il primo impatto che ho avuto, un senso di diffusa disorganizzazione quando, per iscriversi, si dovevano fare ben due code, la prima per controllare che l’associazione fosse socia e la seconda per accreditarsi. Anche per questo l’assemblea è cominciata con oltre un’ora e mezza di ritardo.

Dopo la lettura della relazione del presidente e il saluto della varie autorità intervenute si è proceduto alla discussione dell’ordine del giorno diviso fra assemblea straordinaria (modifica dello statuto) e assemblea ordinaria (rinnovo cariche sociali e approvazione bilancio consuntivo e preventivo). Poiché il numero delle associazioni partecipanti non raggiungeva il quorum dei ¾ di presenze richiesto dal vigente statuto per poter modificare le norme dello stesso, la presidenza ha preso atto di ciò ed è passata ai punti dell’ordine del giorno riguardanti l’assemblea ordinaria. Mi è sembrata anche poco chiara l’esposizione e spiegazione delle varie voci dei bilanci: sono stati solo letti i valori generali, le cifre, ma quasi neppure una parola su obiettivi e impegni che dovrebbero essere realizzati con quelle risorse.

A dir poco infelice il momento scelto dalla presidenza per dare la possibilità ai candidati di potersi presentare: è stata data loro la parola quando i partecipanti erano già in piedi per recarsi al buffet e così hanno parlato davanti ad un emiciclo quasi vuoto. Mi avrebbe fatto piacere conoscerli, poter fare loro qualche domanda per capire chi sono prima di votare.

Per essere stata la mia prima esperienza di assemblea del CSV, è stata veramente traumatica: mi auguro sinceramente che non si ripeta.

vice presidente gruppo volontari codroipesi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.