Bambini fantasma

Neonati che non hanno nome e identità. Peggio, che per la legge non esistono. Anzi, che per legge non esistono. Non sono mai nati. In una parola, invisibili. Accade oggi e qui, nella democratica e civile Italia, ed è una realtà così grave che si stenta a crederci, anche perché, in quanto invisibili, questi neonati non si contano, potrebbero essere uno, qualcuno o centomila. Ma andiamo con ordine. Come accade in ogni Paese, anche da noi l’ingresso di persone straniere è normato e, a chi entra regolarmente, viene rilasciato un permesso di soggiorno temporaneo. Chi invece è in Italia al di fuori dei casi previsti per legge risulta irregolare, dunque è sprovvisto di permesso di soggiorno. Naturalmente però le Carte internazionali (e secoli di civiltà) mettono al riparo i bambini, sempre incolpevoli: ad esempio per ricevere prestazioni sanitarie o frequentare la scuola obbligatoria non è necessario esibire il permesso di soggiorno. Una tutela per cui anche i figli di genitori irregolari hanno i diritti fondamentali di ogni altro bambino. Eppure tra questi non è previsto il primo dei diritti, quello da cui discendono gli altri: venire al mondo. Dal 2009, infatti, a causa di un emendamento apportato nel “pacchetto sicurezza”, per la prima volta per registrare un figlio alla nascita è obbligatorio presentare il permesso di soggiorno. E chi non ce l’ha? .Facile comprendere che un numero non quantificabile di bambini, nati in Italia da coppie prive di tale documento, non hanno certificato di nascita e i loro genitori si guarderanno bene dall’uscire allo scoperto, con la paura di essere espulsi o addirittura privati dei figli. Che ufficialmente non sono nemmeno figli loro, dato che non si può essere padri e madri di bambini per l’anagrafe “mai nati”. Per questi piccoli e solo per loro di conseguenza anche la salute o l’istruzione obbligatoria non sono diritti: paradossalmente sono più tutelati i figli di immigrati nati prima di arrivare in Italia, che non quelli nati tra noi.

continua a leggere su  Avvenire


Lucia Bellaspiga

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.