Il dialogo come accostamento all’altro e riconoscimento di umanità

“Riflettere sul dialogo interculturale e specificamente su quello interreligioso (dialogo ma anche conflitto, incontro ma anche scontro, prossimità ma anche alterità, comunione ma anche distanziamento, …) significa a un tempo interrogarsi sui propri convincimenti e porsi all’ascolto dell’altro, e nn su questioni marginali, ma su ciò che più intimamente ci tocca: le convinzioni più profonde, le parole forti attraverso cui pensiamo e comunichiamo quel che sentiamo essenziale e costitutivo, le chiamate radicali, ciò per cui ne va della salvezza, ne va della verità, ne va del senso della propria vita e della riconoscibilità del mondo. Le differenze e le contraddizioni che s incontrano in questo ambito sono grandi, i conflitti non attenuabili e difficoltosamente mediabili; i tentativi eclettici o sincretici tanto più inammissibili quanto più si vuole rispettare l’altro e se stessi; le risposte scarse e incerte, le paure abissali, ineludibili le aporie.
Ma il dialogo è la scelta necessaria: la sola alternativa umana al subire e all’infliggere la morte.”

Peppe Sini,

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.