Benandanti

“Anche al giorno d’oggi avremmo bisogno di Benandanti. Oggi che il Male ha assunto una maschera capace di confondersi con la sua apparente benevolenza: il deserto della globalizzazione, le magie dell’economia, la cattiveria del mondo, la paura di dichiarare apertamente la propria alterità, preferendo confondersi nel grumo grigiastro di una massa indifferenziata.
Le mazze di finocchio non bastano più. Bisognerebbe armarsi d’amore. Amore e passione per la memoria di ciò che siamo stati, in modo da trovare la forza di vivere una vita più responsabile, da condividere come progetto con le generazioni che verranno.
Insomma, dovremmo fare anche noi come quei Benandanti che mentre tutti gli altri dormivano il sonno degli sciocchi, vegliavano attenti, fino alle prime luci dell’aurora. Magari rischieremo lo sberleffo o peggio, la condanna, il rogo. Ma è pur sempre meglio morire da eretici che vivere da storditi.”

Da “Forse non tutti sanno che in Friuli…” di Angelo Floramo

One comment

  1. Ho dovuto informarmi sulla parola ” benandanti “. Posso concordare su quanto letto, ma ora credo, purtroppo che i benandanti si sentano i vari Salvini – Di Mail – Renzi – Berlu – Trump ecc. Gpaolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.