La scuola riverniciata

San Daniele, sono stati 23 i ragazzi che hanno ridipinto corridoi, scale e saloni posti su tre piani. Impegno per il bene comune: 300 ore di lavoro con l’aiuto di un genitore e 5 prof
SAN DANIELE. Scuola da tinteggiare? Ci pensano gli studenti. Succede all’Isis Manzini, dove tra giovedì 5 e venerdì 6 settembre, a pochi giorni dal suono della prima campanella, 23 studenti, un genitore e 5 insegnanti hanno verniciato tutto l’istituto di piazzale IV novembre.
Un lavoro eseguito dai ragazzi in tempo di vacanza, in un’ottica di impegno concreto a favore del bene comune.
«Un plauso ai giovani – spiegano dall’Istituto, che comprende 4 indirizzi: liceo linguistico e scientifico e amministrazione, finanza e marketing e costruzioni, ambiente e territorio – per essersi impegnati non per avere una scusa per saltare le lezioni, ma in giornate dedicate a svago e riposo».
I ragazzi dell’Isis Manzini non sono nuovi a queste iniziative: nel 2017 oltre 20 di loro avevano aderito al progetto di riqualificazione della pensilina per il trasporto pubblico locale di piazza IV novembre. Lo scorso anno scolastico, invece, gli studenti si erano impegnati per restaurare e dipingere le palizzate di recinzione del canile consortile posto ad Arcano superiore.
«Giovedì – spiega uno degli insegnanti che ha aiutato gli studenti nella due-giorni di lavoro – i ragazzi hanno applicato 1.200 metri lineari di scotch di carta per proteggere le parti che non dovevano essere intaccate dal colore. Poi, rulli alla mano è cominciata la tinteggiatura vera e propria.
Complessivamente l’area di intervento è quella relativa a corridoi, scale e saloni posti tra piano terra, primo e secondo piano. In tutto sono state 300 le ore lavorate. L’attività fa parte di un progetto che prevede un ruolo attivo degli studenti nella Polis, nel rispetto della cosa pubblica. Tra gli obiettivi dell’istituto c’è quello all’educazione e al senso di appartenenza alla comunità».
Principi che trovano fondamento dell’articolo 8 della Costituzione e nelle parole di John Fitzgerald Kennedy. «Nella Costituzione – chiosa l’insegnante – vi è un articolo che recita che “la Repubblica tutela il paesaggio”. Noi siamo la Repubblica e dobbiamo tutelare gli edifici che ne fanno parte. Agli studenti dico, parafrasando Jfk, “Non pensate a ciò che il Manzini può fare per voi, ma a ciò che voi potete fare per il Manzini».

Anna Casasola

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.