CENSIS: GLI ITALIANI VOGLIONO MENO CONSUMI E PIÙ RELAZIONI… SPECIALMENTE I GIOVANI

Movità 11-2012 del 29 marzo

Per una volta sembrano arrivare buone notizie dall’ultima ricerca del Censis su ”I valori degli italiani” che è stata realizzata nell’ambito delle attività per le celebrazioni del 150/mo anniversario dell’Unità d’Italia, che sarà presentata questo pomeriggio.  «La spinta individualista – riporta ANSA – che pure dagli anni ’70 in poi ha favorito crescita e sviluppo sembra entrare in crisi: gli italiani sono alla riscoperta delle relazioni. Per il futuro – emerge dalla ricerca – i valori che faranno l’Italia e gli italiani sembrano poggiare sempre meno sulla rivendicazione dell’autonomia personale e sempre più sulla riscoperta dell’altro, sulla relazione e la responsabilità. Sono valori che in questa fase fanno emergere barlumi di speranza che vanno però – sollecita l’analisi del Censis – ”alimentate e potenziate affinché possano diventare un nuovo motore di crescita socio-economica e civile del Paese». Non solo, il calo dell’individualismo si registra anche in ambito politico: oltre il 70% degli italiani esprime «rigetto per la verticalizzazione personalizzata, cuore della politica soggettivizzata».
Anche il consumismo, pare che attragga meno: “il 57% degli italiani pensa che, al di là di problemi di reddito, nella propria famiglia il desiderio di consumare è meno sentito rispetto a qualche anno fa. Il 51% degli intervistati crede che nella propria famiglia si potrebbe consumare meno tagliando eccessi e sprechi; il 45% pensa che si dovrebbe conservare quello che si ha piuttosto che puntare ad avere di più (29%). La quota degli italiani che sostiene di volere consumare meno sale a oltre il 61% nel Nordovest d’Italia e a oltre il 55% al Centro, è maggioritaria tra i giovani e gli adulti.
E se davvero alla fine della crisi il desiderio di una società migliore ci portasse alla condivisione di un modello di sviluppo più sostenibile da imporre al mercato in cui non sia più il mercato a imporci dove andare? E se tutto questo permettesse di scardinanare le fondamenta di un modello di sviluppo impantanato nelle sabbie mobile dell’economia finanziaria, rilanciando l’idea di una crescita della società reale, centrata sulla crescita dell’essere e delle relazioni e non sulla crescita dell’avere? Incrociamo le dita!

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.