Combattere la povertà si può

Uno dei 17 ambiziosi progetti ed impegni previsti dal programma d’azione sottoscritto da ben 193 Stati dell’ O.N.U. denominato Agenda 2030, è quello di abbattimento delle barriere sociali ed economiche che condannano l’individuo all’indigenza e alla povertà. Sì, perché la povertà è una condanna senza colpa, un giudizio draconiano senza possibilità di appello.La povertà non si limita a costituire una mancanza di risorse economiche e finanziarie – e già questa condizione rappresenta di per sé una forma di frustrazione delle ambizioni personali – ma comporta anche una serie di problemi collaterali che non si possono più ignorare. Uno fra tanti, il peggiore fra tutti per le conseguenze igienico-sanitarie che determina, è sicuramente  la fame con relativa malnutrizione.
Dati F.A.O. alla mano, oggi le persone che soffrono la fame nel mondo sono ben 821 milioni, ovvero un abitante su 9 del pianeta. Se tale dato lo si mette in relazione con la stima dello spreco alimentare dettato e da canoni estetici (ebbene sì, anche il cibo deve rispettare standard visivi che poco hanno di naturale ma che piacciono tanto al consumatore finale) e da spesa compulsiva ciò che ne esce fuori è un quadro poco gratificante. Nel mondo le tonnellate di cibo sprecato è di circa 1,3 miliardi, ciò significa che nel nostro cestino finisce circa un terzo di tutto ciò che viene prodotto. Un lusso che non ci possiamo più permettere sia a livello sociale (tali risorse sprecate potrebbero sfamare per ben 4 volte la popolazione denutrita stimata) sia a livello ambientale visto che la sua produzione e il suo smaltimento impoverisce di risorse primarie il nostro bellissimo e precario pianeta.
Come se ciò non bastasse, la povertà determina anche un accesso limitato all’istruzione. L’Unicef denuncia infatti che a oltre 120 milioni di bambini è negato il fondamentale diritto all’istruzione di base, e nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di bambine.
Le cause vanno ricercate nella povertà che costringe i più piccoli a crescere in fretta, entrando in un mondo lavorativo che li sfrutta, perché imparare è un investimento troppo a lungo termine che le famiglie non possono permettersi.
E quindi si rimpolpa sempre quella staticità sociale che vede l’istruzione un’opportunità di élite.
La povertà costringe inoltre le persone ad abbandonare il proprio Paese in cerca di fortuna altrove. Fortuna per raggiungere la quale si è disposti a rinunciare alle proprie radici e alla propria Casa.
È per vivere in un mondo migliore, che sia un mondo per tutti perché di tutti, che l’O.N.U. si è impegnato a redigere un programma di azioni concreto che chiama le persone di buona volontà a fare concretamente per l’altro ma anche per loro stessi.
Qualcosa di grande a livello istituzionale si è mosso, adesso tocca a ognuno di noi accettare la sfida del cambiamento. Si può ad esempio iniziare con sabato 30 novembre con la colletta alimentare giunta alla sua 30esima edizione che è portata avanti dai volontari e che coinvolgerà oltre 13 mila supermercati in tutta Italia.
Sul nostro sito sono presenti link di collegamento a video realizzati per far comprendere le azioni promosse sul nostro territorio. Ognuno è chiamato a essere parte di questo ambizioso progetto perché ognuno conta.

Elisa del Regno

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.