Impariamo a conoscere noi stessi

Si parla spesso di integrazione tra popolazioni differenti e di cooperazione tra Stati, ma è molto difficile che questo avvenga sempre in maniera pacifica, e anzi, è più semplice che si creino lotte tra la gente per conservare la propria identità per non volerne accettare di altre. Si sente anche dire di aiutare le popolazioni in difficoltà, ma a casa loro.
Il MoVI, Movimento di Volontariato Italiano ha voluto avvicinarsi ad una realtà molto diversa dalla nostra, con un progetto chiamato “Tadrib Fe3al”, ovvero “Formazione in azione” realizzato con il contributo Regione FVG L.R. 19/2000. Per la realizzazione di questo progetto é stata scelta la Tunisia ed in particolare le città di Béni Khiar e Nabeul, ma alcune attività formative sono state realizzate anche sul territorio del Friuli.
Questo progetto si è posto l’obiettivo di aiutare dei giovani NEET tunisini ad acquisire delle conoscenze che li possano portare ad un futuro proficuo e ad una crescita personale efficiente, ma soprattutto di stimolarli a credere in loro stessi e ad affrontare la vita della comunità con più consapevolezza e autonomia. Per realizzare ciò, sono state molte le azioni realizzate in Tunisia e in Italia.
Il progetto è partito il 30 ottobre 2018, la prima attività realizzata sul territorio friulano è stata una study visit di una settimana organizzata nel mese di febbraio. I ragazzi coinvolti sono stati quattro peer educator tunisini e 17 giovani friulani. I tunisini sono arrivati in Friuli il 23 febbraio 2019 e durante il corso della settimana hanno partecipato a numerose attività che hanno permesso loro di capire cosa sono le competenze trasversali sempre più richieste ed un orientamento verso il mondo del lavoro. I quattro peer educator hanno avuto l’occasione di acquisire delle conoscenze nuove attraverso dei workshop, per poter diventare un riferimento per altri giovani tunisini, insegnando loro come arrivare ad avere una formazione completa e spendibile
La settimana è iniziata con un’allegra accoglienza da parte dell’Associazione “Attoroni” presso il cinema Splendor di San Daniele con delle simpatiche prove di recitazione e la successiva visione del film “Green Book”. Presso la sede del MOVI di San Daniele i ragazzi hanno partecipato ad un workshop riguardante i fenomeni migratori dal punto di vista occidentale organizzato dall’Aggregazione “Friul Mics”, in questo spazio hanno avuto modo di conoscersi meglio e di condividere le loro idee ed opinioni.
Sono stati poi accolti a Pordenone presso il “C.O.R. centro orientamento regionale” e a Gemona presso la “Casa per l’Europa, dove i ragazzi sono venuti a conoscenza di numerose opportunità di lavoro e studio all’estero: una lezione interessante ed educativa per riflettere su se stessi e conoscersi, per capire quali sono le proprie capacità ed usarle al meglio in futuro.
Uno dei canali più usati dai giovani per comunicare sono i “Social”, che se usati bene e con consapevolezza e responsabilità, possono portare a risultati positivi anche in campo lavorativo per promuovere un’attività, un progetto o fare pubblicità a se stessi per riuscire nei propri obiettivi. Ecco perché gli incontri formativi con i ragazzi si sono concentrati poi in maniera piuttosto intensiva su temi di questo genere a Gemona presso l’istituto I.S.I.S Magrini Marchetti assieme ai ragazzi del progetto “Blog Fuori dal Comune” gestito dall’Associazione MEC. Qui la giovane redazione ci ha presentato una serie di attività svolte da loro, con l’aiuto di un esperto in materia, su temi riguardanti la società, la politica, fino ad arrivare a temi più sensibili come l’inquinamento e la cura dell’ambiente in cui viviamo.
In Tunisia le associazioni partner del progetto hanno organizzato una serie di attività e workshop per dare ai giovani NEET una formazione che gli permettesse di avere maggiore consapevolezza delle loro capacità. Sono stati organizzati laboratori sulle soft skills e sul CV, sulla promozione di sé attraverso i social e sui fenomeni migratori in Tunisia, su come realizzare un documentario e come pubblicizzare il proprio lavoro.
Parallelamente a queste attività propedeutiche, i ragazzi tunisini accompagnati dai 4 peer educator e dagli educatori delle associazioni partner, in questi mesi hanno lavorato per realizzare un video-documentario sulla migrazione. Lo scopo di questo lavoro sarà quello di dare loro maggiore fiducia nelle proprie capacità e di sviluppare attività culturali a livello locale in modo da tramandare quanto è stato appreso ad altri giovani per poter avviare una nuova popolazione di ragazzi tunisini consapevoli.
La seconda tappa che ha coinvolto direttamente il nostro territorio è stata una visita di studio in Tunisia a settembre 2019 per quattro ragazzi italiani selezionati tra i 17 che hanno preso parte alle diverse attività svoltesi in Italia. Hanno avuto non solo l’opportunità di visitare un Paese nuovo e di partecipare a dei workshop, ma anche il compito di impegnarsi con coetanei tunisini nello svolgimento di attività e progetti sul territorio locale.
L’intero percorso si concluderà con delle proiezioni pubbliche con dibattito del documentario sia in Friuli (al Cinema Splendor di San Daniele, nel collinare e all’Istituto Manzini) che in Tunisia.

di Davide Peressoni
Volontario Servizio Civile Universale al MoVi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.