Con Parigi nel cuore; costruire speranza oltre la paura

La notizia degli attentati di Parigi di venerdì ci colpisce profondamente perché ha portato nel cuore dell’Europa segni di guerra per seminare morte, distruzione e alimentare paure. Come non dimenticare anche gli attentati che recentemente hanno insanguinato Ankara nel corso di una manifestazione contro la guerra e quello di Beirut di pochi giorni fa.Tante le guerre dimenticate che solo in poche occasioni tornano alla nostra attenzione. Ci troviamo di fronte a immagini che si sovrappongono a quelle del bimbo annegato raccolto sulle spiagge di Bodrum e a quelle delle tante spiagge del Mediterraneo, teatro in questi mesi di un esodo continuo da situazioni di guerra, di violenza e di miseria. Nonostante l’assurdità della guerra (mai interrotta in questi mesi in molte parti del mondo), i semi dell’intolleranza e della violenza fondamentalista continuano a trovare terreno fertile per attecchire. Chahla Chafiq, scrittrice iraniana esiliata in Francia autrice de “Il nuovo uomo islamista, la prigione politica in Iran” è stata tra le firmatarie del manifesto “Insieme contro il nuovo totalitarismo”. A febbraio, in occasione della strage di Charlie Hebdo aveva scritto: “…La democrazia fondata sul riconoscimento dell’autonomia degli individui, liberi e uguali, creatori e soggetti di leggi, lungi dall’essere solo una questione elettorale, è un progetto politico il cui approfondimento significa libertà da ogni potere sacro intangibile. Ora, più che mai, la laicità rappresenta una prospettiva fondamentale nel promuovere i diritti umani e la libertà”.
leggi tutto da “Rosa Bianca”
Fabio Caneri

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.