festa della solidarietà 2015

E…state con i nonni: semplici gesti possono cambiarti

Quest’estate abbiamo avuto modo di sentirci parte della comunità di San Daniele e diventare dei cittadini attivi mettendoci in gioco: questo grazie alla scoperta del Servizio Civile. Tra tutti i vari ambiti che abbiamo conosciuto ve né uno che ci ha colpito particolarmente e che abbiamo scelto: la Casa di riposo di San Daniele del Friuli. Un’esperienza illuminante che ci ha coinvolto fin dal primo momento e che ci ha fatto scoprire soprattutto il valore del rispetto e dell’altruismo. Noi – fin dal subito – abbiamo cercato di fare il possibile per far sentire gli ospiti a loro agio pur sapendo che la nostra presenza poteva non essere gradita a tutti. Inizialmente abbiamo avuto qualche difficoltà a relazionarci non conoscendo ancora cosa avremmo provato e le reazioni che avrebbero potuto avere gli anziani nei nostri confronti. Abbiamo però cercato di realizzare le loro semplici richieste che consistevano in qualche chiacchierata riguardo i loro pensieri e la loro quotidianità o in alcune passeggiate nel giardino esterno. Tutto questo li faceva sentire accolti ed ascoltati. Un altro aspetto molto importante per noi è stato mettersi alla pari con gli anziani ospiti. Non ci sentivamo superiori in quanto aiutanti ma neppure irrilevanti. Lo scopo del nostro servizio consisteva principalmente nell’aiutare le persone ospiti della Casa a vivere e a continuare a vivere una vita capace di emozioni per sentirsi utili ed importanti. Per noi il risultato finale è positivo in quanto siamo riusciti a crescere come persone, diventando migliori, meno egoisti e più aperti verso il prossimo. Ragazzi con meno pregiudizi, paure infondate e quindi cittadini coraggiosi che non hanno timore del mondo che li circonda. Questa esperienza ha cambiato alcuni aspetti della nostra personalità ma anche del nostro modo di essere. Abbiamo imparato a lasciarci andare maggiormente e a relazionarci con persone a noi sconosciute privi di timore e senza farci condizionare delle impressioni altrui. Abbiamo anche compreso che un semplice sorriso può cambiare non solo l’espressione del viso ma anche migliorare la giornata di una persona. Noi solitamente ci recavamo alla casa di riposo per tutta la settimana ogni mattina contribuendo all’animazione. Si svolgevano attività manuali, fisiche come la palestra ma anche attività di gruppo come il canto corale. Questa esperienza ci ha lasciato molti ricordi come i racconti degli anziani riguardo il loro passato, i momenti collettivi in cui tutti ci riunivamo assieme per cantare, divertirci e festeggiare i compleanni. Tutto questo ha lasciato un segno indelebile su di noi: speriamo altri ragazzi abbiano la possibilità di fare la stessa esperienza.

Alice,Cristian,Giulio

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.