Confortare ed essere confortati

La tristezza di vivere questo tempo nasce anche dalla consapevolezza di sentirsi via via più diversi e marginali.
Chi ti governa ti parla di seconde case da raggiungere prima di Natale, di skypass se hai la seconda casa o se stai in hotel, di vacanze, di shopping, mentre tu pensi a chi è morto senza salutare nessuno, a chi è solo in casa, a chi la casa non ce l’ha e vaga come uno spettro per le strade dell’inverno, a chi trema per ragioni che non riesce nemmeno a dirsi e a dire e non sa come si faccia a smettere di tremare.
Ti parlano di comfort a cui rinunciare e tu pensi al conforto, al fatto che non dovremmo mai rinunciare a confortare e ad essere confortati.
Il cambiamento che sognavi nella prima ondata, ingenuamente, perché nonostante tutti i libri letti resti un ingenuo, oramai è scomparso dai discorsi, anche quelli fatti al buio, anche quelli soltanto sussurrati. Questa tristezza non può essere sanata da un bonus. Invece tutto, ogni giorno, ci parla di soldi, non di economia, ché quella è la cura della casa. Noi non stiamo curando la nostra casa.
Allora se non lo fa chi ci governa, se non lo fanno i giornali, se non lo fa chi prende la parola in pubblico, spetta a ciascuno di noi mettere in circolo parole e gesti e sguardi e voci che lottino contro questa tristezza. Tocca a ciascuno di noi confortare chi ne ha bisogno e confortarsi.
Se la fragilità è stata messa all’angolo, beh allora ci tocca andare a prenderla con delicatezza, con molta gentilezza portarla al centro, issarla come una bandiera, una bandiera bianca, e poi proteggerla con fermezza, con dedizione, come se fosse un avamposto, come se fossimo in trincea
Autore: Luigi Nacci

One comment

  1. Non ho un commento da fare. Voglio solo complimentarmi con voi per questo articolo che condivido e che vorrei proprio fosse preso in considerazione da chi ha da prendere decisioni che non prende e da chi non ha nemmeno l’idea di chi è la persona che le passa accanto 👴🏻😷gpaolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.