Credibilità dei politici diminuisce

Movità 2-2011 del 19 gennaio

Le notizie su inchieste giudiziarie che coinvolgono i nostri uomini di stato sollecitano riflessione e preoccupazione.
La persona va sempre salvata e vanno evitate cacce alle streghe o esecuzioni sommarie, per quanto virtuali. Salvata la persona resta però la perplessità e cresce lo sconcerto pensando alle conseguenze di quanto stà accadendo.
Viene da pensare con rimpianto ai tempi in cui personalità pubbliche non esitavano a rassegnare le proprie dimissioni per questioni molto meno gravi, mettendo la credibilità delle istituzioni al di sopra di qualsiasi altra cosa. Quale messaggio passa ai giovani e ai cittadini rispetto alla legalità? Sembra vincere il “partito” di coloro che sotto sotto ammirano la spregiudicatezza e la “furbizia” più della correttezza e del disinteresse.

E’ fonte di seria preoccupazione questa continua azione disgregante e corrosiva nei confronti della credibilità delle istituzioni pubbliche. In momenti tanto gravi e difficili, di fronte alla crisi economica, all’esplodere delle disuguaglianze sociali e delle povertà, al crollo dell’occupazione e ai molti altri problemi nazionali e planetari che dobbiamo fronteggiare, lo spazio del pubblico dibattito dovrebbe essere occupato da ben altri titoli. Superando i differenti orientamenti politici, diamoci da fare tutti insieme per avere buone istituzioni e per aiutare la classe politica ad essere all’altezza delle sfide che abbiamo davanti.


La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.