17 FEBBRAIO, GIORNATA MONDIALE DEL MALATO

Movità 4-2012 del 9 febbraio

Promossa dalla Chiesa Cattolica, è un’occasione e uno stimolo per pensare a tutto ciò che ruota intorno alla nostra fragilità umana. L’invito è a ricordare che il malato, qualsiasi malattia esso abbia, non deve essere lasciato solo con la proria infermità.
La salute è un diritto, dicono  le carte internazionali e la nostra costituzione, e per questo è necessario far si che l’accesso ai farmaci e a buone cure sanitarie, la possibilità di una vita sana e una buona educazione sanitaria, siano davvero garantiti a tutti indipendentemente da situazione sociale ed economica.
Oltre a questo siamo sollecitati a ricordare che la vicinanza, il contatto umano e la solidarietà possono dare senso e illuminare almeno un poco anche la malattia. Persino il dolore che deriva dal naturale venir meno della salute e dall’avvicinarsi della morte lo vediamo in una luce diversa se confortato dall’affetto e dall’amore di un altro essere umano.

Secondo Frankl «la vita ha un senso anche quando si svolge in un campo di concentramento, quando non offre quasi più nessuna prospettiva di realizzare dei valori, creandoli o godendoli, ma lascia solamente l’ultima possibilità di comportamento moralmente valido, proprio nel modo in cui l’uomo si atteggia di fronte alla limitazione del suo essere, imposta con violenza dall’esterno». Come dire: il dolore, la sofferenza, naturale o imposta, sono una chiamata a vivere come uomini, fino all’ultimo. E questo ci è più facile quando non siamo soli.

Senza negare malattia e morte … dalla quale nullo homo vivente pò skappare.

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.