Da profugo a volontario

Mi chiamo Ali Abdurahim Amdan, ho trentasette anni e da quando ne ho diciassette vivo con la mia famiglia nel campo profughi di Mayo, vicino a Khartoum, in Sudan. Da quando ho smesso di studiare ho fatto molti lavori: l’imbianchino, il cleaner, il muratore… Un giorno ho sentito parlare di un Centro sanitario nel campo, mi hanno detto che dei medici italiani curano le persone senza chiedere di essere pagati. Io ho sempre sentito in maniera molto forte il bisogno di aiutare gli altri – immagino sia una cosa di famiglia, mio padre lavora in un ospedale di Khartoum – e quindi quando il capo di Angola, l’area del campo in cui vivo, mi ha chiesto di partecipare al corso di Emergency per la formazione dei “Village Volunteers” ho deciso di partecipare. La popolazione del campo ne ha bisogno: c’è una grande carenza di infermieri e di personale che possa aiutare la gente a prevenire i problemi di salute che nascono dal vivere in un’area così povera e degradata, piena di rischi per la salute e dove sono i bambini a pagare il prezzo più alto. Sono fiero di aver completato il corso: ora sono un “Community Health Promoter”, mi muovo nelle varie zone del campo per individuare i bambini malati da inviare al Centro sanitario, svolgo attività di educazione igienico-sanitaria, controllo la corretta assunzione dei farmaci prescritti… Aiuto la mia comunità attraverso l’informazione: insegno come si riconoscono le malattie più comuni, come si prepara e conserva il cibo in modo corretto, come si sanifica l’acqua… Ora con l’aiuto degli altri “Village Volunteers” voglio organizzare corsi e visite a casa, per incontrare le famiglie e aiutarle ancora meglio. Emergency ci ha dato i mezzi, ora voglio fare la mia parte e mettere in pratica tutto ciò che ho imparato.

Emergency  Storie

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.