Storia di un giovane e l’ossessione del gioco

ALE amico “Hei Ale, andiamo a farci una giocata?” Era partito tutto così, una domanda innocua, buttata lì. Io non sapevo, non conoscevo, non potevo prevedere. In fondo non era tanto, solo qualche euro, niente di più.
Quando sullo schermo apparve la combinazione vincente, diamine, fui io ad incitarlo a giocarne un’altra, che avrebbe vinto, ne ero sicuro, era la sua giornata fortunata. Ovviamente non vinse, perse tutto. Io tornai a casa con pochi euro in meno e dimenticai. Lui tornò a casa dopo aver perso tutto, non dimenticò e pian piano perse anche la vita. Subito non me ne accorsi, continuavamo ad uscire, ridevamo, andavamo al cinema, mangiavamo la pizza e parlavamo, era normale, come sempre. Poi un giorno andammo al bar, e insieme al caffè ordinò una schedina. Fu lì che lo notai, per la prima volta: quello sguardo ossessivo, nervoso, irrequieto, mentre compilava il foglietto. Feci l’errore di non darci peso. Poi iniziò a farsi vedere di meno, a volte spariva per giorni, quando tornava era silenzioso e frenetico, non raccontava mai e io non chiedevo. Vedevo quello sguardo ossessivo, il comportamento irrequieto e nervoso. Iniziò a chiedermi soldi, pochi spiccioli, scuse plausibili, sempre di più. Mesi dopo mi accorsi di avergli dato uno stipendio intero, a piccole rate, te li restituirò – sì certo come no – smisi di credergli e di prestargli soldi. Lui si allontanò. Da me, dai suoi genitori, da amici e conoscenti. Solo in seguito seppi che aveva rubato soldi a suo padre, ricattato un’amica e prosciugato tante altre tasche. Quando ce ne accorgemmo, e capimmo, finalmente chiedemmo aiuto. Ma era sparito, non si trovava da nessuna parte, indebitato fino al collo era andato a cercare altri soldi, per poi perderli giocando d’azzardo. Derubò la persona sbagliata. Ossessionato dal gioco si era dato al crimine pur di ottenere i soldi per continuare, nell’illusione della vincita, a perderli. Quella sera, le sue scuse e suppliche non servirono, pugni e calci misero a tacere, oltre che la sua bocca, anche il suo cuore. FRANCO padre Colpa di Ale, lo sanno tutti. È lui che lo ha incitato a giocarne un’altra, la prima volta, che avrebbe vinto, ne era sicuro, ora non lo sarebbe più. Colpa di Ale che non ha fatto niente, non gli ha detto smettila, non gli ha tolto la schedina di mano, non gli ha chiesto che fine avesse fatto ogni volta che spariva. Colpa di Ale che gli prestava soldi senza chiedergli perché, che credeva alle sue innumerevoli scuse senza chiedersi nulla, che non dava peso a niente di ciò che stava accadendo. Colpa di Ale che era un grande amico per lui, ma colpa anche mia, che ero suo padre. Anche questo lo sanno tutti: che la colpa è anche mia. Colpa mia per non essermi accorto dei soldi che sparivano da casa, di quelle occhiaie profonde sotto gli occhi di mio figlio, di quella frenesia in ogni suo movimento. Colpa mia per non essermi accorto di star perdendo mio figlio, se non quando lo persi.L’ultima volta che lo vidi mi stava derubando, le mani dentro il cassettone dove tenevo gran parte dei miei risparmi – che stai facendo? – Prendo un fazzoletto papà. – Ce l’aveva il fazzoletto in mano quando la tirò fuori, ma non sapevo che le tasche erano già piene di banconote. L’ultima volta che lo vidi mi stava derubando, ma io non lo sapevo. Lo seppi quando la polizia chiamò a casa – Signore, suo figlio è stato trovato privo di vita dietro a un pub, è stato preso a calci e pugni fino alla morte. Abbiamo trovato l’aggressore, dice che suo figlio aveva appena giocato un sacco di soldi, tutti persi, era infuriato nero e gli ha chiesto di prestargli qualcosa, che avrebbe vinto, ne era sicuro, e gliene avrebbe restituiti di più. L’aggressore dice di aver rifiutato e sostiene che suo figlio l’abbia colpito con un coltello, minacciandolo. Mio figlio aveva un coltello e un sacco di soldi. Mio figlio era un giocatore d’azzardo, ossessionato, malato e disperato. Mio figlio rubava e minacciava per avere i soldi. Mio figlio era così disperato da uccidere a coltellate un uomo pur di ottenere dei soldi per continuare, nell’illusione della vincita, a perderli. Mio figlio aveva smesso di essere tale da molto tempo, il suo nuovo padre era il gioco d’azzardo, la sua famiglia i soldi. È colpa di tutti, è colpa anche mia. È colpa di un padre che non ha saputo guardare negli occhi, nel cuore e nella testa di suo figlio……

di Anna Bortuzzo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.