Da Venezia: quale sussidiarietà

Movità 13-2011 del 18 maggio

“Il lavoro di riflessione svolto nel gruppo ha fatto riemergere innanzitutto, per un sano rapporto con le Istituzioni e la società, l’esigenza di non perdere di vista il valore del volontariato come azione gratuita e dono per gli altri, secondo le definizioni già contenute nei vari documenti che in questi anni sono stati prodotti, come il Manifesto del Volontariato Italiano, la Carta dei Valori del volontariato, Carta della Rappresentanza.
Un volontariato quindi da valorizzare e sostenere, non come mero erogatore di servizi, ma  come ambito motivazionale, dove le persone ritrovano un senso per la propria vita rimettendosi in moto, creando relazioni positive e luoghi di speranza e di costruzione.
Dove le persone che hanno bisogno, non trovano innanzitutto dei servizi, ma un’accoglienza alla propria persona.”

 

(dalla sintesi del gruppo di lavoro “SUSSIDIARIETÀ: QUALE PARTENARIATO PER LE POLITICHE DEL WELFARE” alla conferenza internazionale di apertura dell’anno Europeo del Volontariato: scarica il testo completo)

La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.