Dal dire al fare… senza dimenticare il pensare

Movità 24-2007 del 29 giugno

La settima assemblea regionale delle organizzazioni di volontariato si è svolta sabato scorso, 23 giugno, nell’auditorium della cultura friulana a Gorizia.
Duplice il compito di questo importante appuntamento: discutere gli spunti programmatici emersi in occasione della conferenza regionale di Palmanova e di quella nazionale di Napoli ed eleggere i nuovi rappresentanti del Comitato regionale e del Comitato di gestione del fondo per il triennio 2007-2010.
L’incontro si è aperto con il
saluto di Roberto Antonaz, assessore regionale al volontariato, che ha sottolineato l’importante ruolo del volontariato anche nella nostra regione. «Anche se siamo a meno di un anno dal rinnovo del Consiglio regionale – ha continuato Antonaz -, vorremmo che il neo-eletto Comitato regionale elaborasse, parallelamente alla riforma nazionale avviata con la nuova proposta di legge depositata in Parlamento, una prima bozza di lavoro per la definizione della nuova legge regionale sul volontariato, che andrà presentata prima della fine della legislatura». Oltre a ciò, il nuovo Comitato Regionale dovrà anche attivare un percorso per costruire e rafforzare il sistema di collegamento e rappresentanza del volontariato in regione diventando sempre più un luogo di sintesi e di collegamento, capace di elaborazione politica e di lettura di priorità ed emergenze.
Sergio Silvestre, vicepresidente del Comitato Regionale, ha presentato gli esiti della conferenza regionale svoltasi a Palmanova lo scorso 24 marzo, di quella nazionale di Napoli del 13-15 aprile, nonché un’informativa sull’avvio della riforma della legge regionale 12 del 1995 illustrando  i sei temi che sintetizzano le linee guida per i prossimi anni approvate dall’assemblea: scelta solidale e gratuita del volontariato, sussidiarietà, rappresentanza e coordinamento del volontariato, tavoli progettuali, ruolo del Centro Servizi e, appunto, riscrittura della legge 12 del 1995.
La partecipazione delle associazioni di volontariato è stata piuttosto bassa ed il dibattito, oltre a esprimere consenso sulle linee presentate, non ha portato particolari approfondimenti: indice questo da una parte
di una certa fatica ma anche della qualità dell’intenso lavoro dei mesi passati.
L’assemblea chiude infatti un’importante percorso di elaborazione e confronto, per aprire una
fase nuova di sperimentazione e rilancio di una nuova partecipazione e collegamento tra i volontari e per dare corpo al principio di sussidiarietà in un nuovo rapporto con le istituzione.

La redazione di Info-MoVI

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.