LE BUONE PRASSI DELLA SUSSIDIARIETA’

Movità 6-2008 del 27 febbraio

Abbiamo a più riprese parlato di protagonismo, di partecipazione e di rappresentanza delle associazioni di volontariato.
Oggi vogliamo segnalare un evento significativo accaduto ieri nel nostro territorio: una buona prassi che va nella direzione di promuovere lo stile della sussidiarietà tra pubblico e privato per la realizzazione del bene comune.
Si tratta di un incontro avvenuto martedì 26 febbraio 2008 presso l’Urp dell’Azienda Ospedaliera “Santa Maria della Misericordia” in cui il nuovo direttore generale, il dott. Carlo Favaretti, si è presentato per conoscere la realtà del volontariato e dell’associazionismo di auto mutuo aiuto e per farsi un’opinione su quanto si muove in questa galassia. La folta delegazione che ha partecipato, ha avuto modo di conoscere i primi orientamenti della nuova direzione, ma soprattutto è riuscita a farsi ascoltare. Ne è uscito un quadro molto articolato di richieste, ma anche di proposte e di iniziative da fare assieme. Un primo momento di conoscenza ma anche di progettualità che si ripeterà periodicamente a beneficio di tutti. Il MoVI regionale era presente con molte sue associate ed ha potuto dichiarare la sua disponibilità a proseguire con il progetto di Audit Civico che sarà presto avviato, in collaborazione con l’Agenzia Regionale della Sanità, anche in questa azienda ospedaliera. Inoltre ci siamo resi disponibili a sostenere assieme percorsi formativi a tutti i livelli (per volontari e per tutto il personale ospedaliero) perché le prassi partecipative diventino sempre più comuni anche nell’azienda ospedaliera udinese.
Qualche intervento dei presenti ha tenuto a precisare che questa bella prassi partecipativa dovrebbe essere fatta propria anche dalle altre aziende sanitarie ed ospedaliere della regione.


La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.