DALL’ASSEMBLEA DI ROMA, UN APPELLO A METTERSI IN RETE

Movità 43-2009 del 16 dicembre

La necessità di coordinamento per affermare un’autonoma politicità. E’ l’obiettivo dichiarato a conclusione dell’assemblea nazionale del volontariato, che proprio su questo bisogno ha fondato la sua ragione d’essere. L’incontro di due giorni, tenutosi nell’aula magna dell’Università degli studi Roma Tre, si è concluso con l’approvazione all’unanimità di un documento finale.
“E’ necessario promuovere e rafforzare forme di rappresentanza del volontariato unitarie e plurali”, afferma il documento, “nelle quale si valorizzino le diverse sensibilità, si riconoscano le organizzazioni di diverse dimensioni e dei differenti settori operativi”, nel quadro di una più ampia rappresentanza del terzo settore. Se si riconoscono i valori di gratuità e solidarietà, nel rispetto del principio della sussidiarietà, i rappresentanti delle OdV chiedono allora che si riconosca la soggettività del settore, rifiutando però che si attribuisca allo stesso volontariato “un ruolo di soggetto ancillare che risponda ai fallimenti dello Stato e del mercato”. Gli enti pubblici quindi dovrebbero impegnarsi ad individuare gli spazi in cui le reti associative possano partecipare alla creazione di politiche pubbliche, in rispetto dell’articolo 118 della Costituzione.

 

Scarica il documento finale dell’assemblea.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.