Davide e gli amici tunisini

Il MOVI di San Daniele si occupa di numerosi progetti e attività e quest’anno 2019, ha avuto modo di organizzare un progetto chiamato “Progetto Tunisia” o “Formazione in azione”.
Quest’ultimo nasce dalla volontà di aiutare un Paese distante da noi per cultura e religione e offrire supporto ai giovan tunisini per un avvio verso un’educazione migliore e soprattutto più evoluta. Tutto ciò perché in un Paese sottosviluppato è bene che tutti possano accedere ad una scuola o meglio ancora ad un’università e poi passare ad una vita lavorativa stabile che garantisca un futuro.
Lo scopo è quindi quello di dare delle basi per poter portare un buon sistema educativo come quello italiano, in Tunisia, attraverso una serie di attività formative e di visita del territorio italiano.
Portavoce di questo progetto sono stati quattro giovani Tunisini che hanno soggiornato proprio qui in Friuli per una settimana.
I giovani tunisini sono arrivati in Italia sabato 23 febbraio e già dal giorno seguente sono stati calorosamente accolti dalla compagnia teatrale degli “ATTORONI” di San Daniele che li ha coinvolti nella prova di una scena sul palco dello “Splendor”.
Lunedì sono stati ospiti nella sede del MOVI per un pranzo che è stato motivo di una prima conoscenza tra noi ragazzi del servizio civile e i ragazzi della Tunisia, e della sede operativa e di alcune delle attività di cui il MOVI si occupa ogni giorno. Il pomeriggio, un Workshop sui fenomeni migratori dal punto di vista occidentale ha permesso un lungo ed intenso scambio di opinioni tra noi ragazzi. Con una presentazione Power Point e delle attività di gruppo siamo venuti a conoscenza di molti modi di esprimersi di popolazioni a livello mondiale e abbiamo potuto esprimere quelli che sono i pregiudizi più comuni a livello globale.
Le visite sul nostro territorio hanno toccato anche temi sociali come la visita alla Caritas di Udine e il centro i aggregazione “Get Up”.
Parte fondamentale di una formazione adeguata per un lavoro è una ricerca attiva dello stesso. Per fare ciò esistono luoghi come la “Casa per l’Europa” di Gemona del Friuli, in cui vengono proposte e offerte delle opportunità ai giovani in cerca di una propria strada. Esistono numerosi progetti all’estero che permettono di fare nuove esperienze e conoscere il mondo in cui viviamo con le varie sfaccettature.
Un modo efficace per rimanere in costante contatto con Paesi lontani da noi sono i SOCIAL. Infatti il pomeriggio, ragazzi tunisini e ragazzi italiani sono stati ospiti di una classe quinta dell’istituto I.S.I.S. Magrini Marchetti di Gemona. Gli studenti ci hanno illutrato le loro pagine Facebook, Instagram e video montati da loro sessi con l’aiuto di un esperto in “materia social”. Nel tempo extrascolastico questi ragazzi si dedicano a tematiche di attualità che vanno: dall’inquinamento ambientale, all’immigrazione e in alcuna casi alla politica. Ci hanno parlato di come lavorano per poter rendere efficace le loro attività e si sono resi disponibili per condividere capacità, esperienze da esportare in Tunisia un metodi educativo innovativo.
É stata un’esperienza di scambio culturale e di formazione sia per tunisini che per italiani. Si spera che le attività formative svoltesi in Italia, siano state di aiuto per i ragazzi tunisini che dovranno portare la loro esperienza e promuoverla nel loro Paese nella speranza di dare la possibilità a tutti, bambini giovani e meno giovani, di accedere ad un sistema scolastico ben strutturato e al passo coi tempi.

Davide Peressoni

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.