Etiopia tragica e meravigliosa

Ho fatto un viaggio nel tempo, nella miseria nell’innocenza degli sguardi dei bambini, nella costanza dei missionari . Non ho abbastanza parole per descrivere quello che ho provato in quei pochi gioni in viaggi per le missioni dell’Etiopia accompagnato, guidato da Paolo Caneva. Per questo ho chesto a lui, che vive che ha sposato una donna etiope e opera da una decina di anni con i missionari della dicesi di Edimbir, di desrciverci la realtà che sta vivendo.Paolo racconta:”Sono passati quindici anni da quando sono andato in Etiopia per la prima volta, era il mese di agosto del 2004. La mia prima esperienza nel paese del corno d’Africa, è durata tre settimane.
Mi chiamo Paolo Caneva, sono originario di Codroipo, e per qualche motivo a me inspiegabile, ho sempre avuto l’Africa nel cuore, anche prima di andarci.
Un sentimento strano mi avvolse, difficile da spiegare, forse si chiama mal d’Africa.
Tre settimane, che poi sono diventati anni, una famiglia ed un lavoro. Nel 2006 mi sono sposato con Shitaye, abbiamo avuto 4 figli: Teresa, Mary, Francesco e Pietro. Ed abbiamo adottato Tzaga, ormai una ragazza di 17 anni.
Un lavoro interessante in qualità di missionario laico fidei donum, nella diocesi di Emdibir, inviato dal Vescovo di Udine.
Negli ultimi anni, molte cose sono cambiate, nella mia vita ed in Etiopia, io mi sono trasferito in città, ad Addis Abeba, l’Etiopia è nella morsa del capitalismo più sfrenato, senza regole e senza morale.
Rimangono le sensazioni che ho provato la prima volta in Etiopia, indelebili, ed il desiderio di farle provare ad altri.
Tramite la rete (il web, per utilizzare un inglesismo) propongo la possibilità di passare un periodo in missione, una possibilità per tutti, chiunque ha voglia di mettersi in gioco o confrontarsi con i propri pensieri ed il proprio stile di vita.
Sia chiaro, passare un periodo in missione, non porta alcun beneficio alla popolazione locale, ma è una grandissima possibilità di miglioramento personale, verso una vita più a misura d’uomo.
Per rendere questa esperienza più interessante, propongo anche delle escursioni, visiti a laghi, parchi naturali e bellezze storiche, cercando sempre di mantenere una caratteristica solidale, infatti le notti vengono spese nelle missioni cattoliche e non negli hotels.
In tutti questi anni in cui ho proposto quest’iniziativa, sono stati veramente tanti i volontari che hanno trascorso alcuni giorni in Etiopia, ed ho sempre avuto dei riscontri molto positivi, c’è chi l’ha definita un’esperienza che cambia la vita, chi dice che è stato l’inizio di un viaggio dentro sé stesso.
Resto a disposizione, con estremo piacere, di chi mi vuole contattare per semplice curiosità o per chi è effettivamente interessato a venire a trovarmi, con estrema apertura e desiderio di far provare delle emozioni uniche e vere.
Di seguito i miei contatti:
mail: paolo.caneva@gmail.com
Il mio numero di telefono è: +251 911 38 76 67, tramite questo è molto semplice comunicare con viber o whatsapp.
Un carissimo saluto e tanti auguri di buona Pasqua.”
Paolo Caneva

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.