DI QUALE SUSSIDIARIETA’ STIAMO PARLANDO?

Movità 25-2008 del 9 luglio

“Non basta dire sussidiarietà, perché questo concetto può essere interpretato in maniera radicalmente diversa a seconda dei diversi punti di vista sul rapporto fra soggetti pubblici e cittadini. Noi di Labsus pensiamo che sulla sussidiarietà debba fondarsi il nuovo paradigma che darà vita ad un Diritto amministrativo pluralista, paritario e relazionale, invece che bipolare, gerarchico e conflittuale. Solo così potranno svilupparsi nuove forme di cittadinanza, indispensabili per affrontare la complessità dei problemi attualmente presenti nella nostra società.”
Così apre l’editoriale di Gregorio Arena nella newsletter di “Labsus, laboratorio per la Sussidiarietà” a cui aderisce sin dalla sua nascita anche il MoVI. L’articolo conclude: “Alla sussidiarietà intesa come principio che comporta un “astenersi” dei soggetti pubblici dallo svolgimento dei compiti loro attribuiti, noi contrapponiamo dunque una concezione della sussidiarietà intesa invece come principio che comporta una condivisione di risorse pubbliche e private nell’interesse generale.
In questa prospettiva non sono i soggetti pubblici ad essere “sussidiari” (cioè di ausilio) nei confronti dei privati, né questi ultimi ad esserlo nei confronti dei soggetti pubblici, bensì gli uni e gli altri si sostengono a vicenda nel perseguimento di quell’interesse generale che per le istituzioni coincide con la loro stessa ragion d’essere, per i cittadini attivi è invece un obiettivo che è liberamente scelto sulla base delle più diverse motivazioni.”

Per leggere l’intero editoriale: http://movi.fvg.it/notizie/arena.htm
Per saperne di più su LABSUS: http://www.labsus.org

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.