Disuguaglianze di genere

Da sempre sentiamo parlare di disuguaglianza di genere, e forse a volte ci siamo davvero soffermati, o forse a volte ci siamo resi conto con dati concreti, di quanto questa disuguaglianza sia molto grande. Prendiamo per esempio quattro grandi categorie: lavoro, educazione, politica e salute. In ognuno di questi, l’uomo e la donna vengono trattati e ricompensati in modo diverso.Secondo le stime dell’OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro), le donne sono ancora lontane dall’uguaglianza di genere nel mondo del lavoro e in alcune parti del mondo sono impiegate in lavori poco qualificati. Per non parlare delle retribuzioni che sono sempre inferiori rispetto a quelle degli uomini. Infatti, secondo il Job Pricing, il mercato evidenzia una grossa disparità pari al 9,8% a favore degli uomini che, in media, guadagnano 2.705€ in più delle donne. Secondo gli studi la donna inizia a guadagnare solo dalla seconda settimana di febbraio in poi, l’uomo invece inizia già con il mese di gennaio. Insomma, una differenza non da poco.Fortunatamente, il divario tra uomo e donna nel mondo dell’istruzione, si è ridotto negli ultimi anni. Infatti oggi le donne tendono ad essere più scolarizzate degli uomini, a differenza degli anni passati, quando solo l’1,5% delle donne si laureava. Infatti nei primi anni del 1900, le iscrizioni delle donne non erano sempre accettate. C’era ancora una netta distinzione tra ciò che una donna poteva fare e ciò che non poteva fare.
Il mondo della politica, non molto estraneo a tutti noi dato che ne sentiamo parlare ogni giorno in tv, è uno dei luoghi in cui la disparità tra i due sessi è maggiore. Indubbiamente neli ultimi anni la presenza femminile è aumentata, ma difficilmente ottengono ruoli importanti o di potere.
Ammetto, non pensavo ci fosse una disparità anche nel campo della salute, pensavo che davanti ad essa, fossimo tutti uguali. E invece non è così.
Infatti le donne vivono più a lungo rispetto agli uomini, ma trascorrono meno anni in buona salute.
In più, a causa delle altre disparità (economiche e pensionistiche), le donne anziane sono soggette di più rispetto agli uomini, al rischio di povertà ed esclusione sociale.
Questo è ciò che la disuguaglianza di genere è oggi. Ma andiamo ad analizzare anche il passato, dove l’uomo e la donna avevano compiti diversi e ben divisi tra loro.
La donna è sempre stata considerata inferiore all’uomo, tanto che veniva esclusa da tutti i diritti e tutte le attività.
La donna doveva essere madre e svolgere a dovere tutte le faccende domestiche. Non poteva assolutamente amministrare il patrimonio senza il consenso del padre o del marito. Senza il loro consenso non poteva nemmeno acquistare qualcosa o vendere.
Finalmente poi le donne presero il toro per le corna, nel ‘800 nasce un movimento per l’ottenimento della libertà e la parità dei diritti delle donne. Nascono le Suffragette.
L’uomo invece, ha sempre ricoperto ruoli importanti ed eroici. Dal cacciatore di famiglia che cacciava per sfamare tutti, al brutale patriarca capofamiglia. Padrone di terreni e di braccianti, tutto si svolgeva secondo le sue voglie e le sue regole. Oltre a tutto ciò, ricopriva anche il ruolo di eroe guerriero, che lottava contro il nemico per qualche terreno in più.
Insomma, questo purtroppo è un divario che va avanti dall’inizio, da quando il primo uomo ha messo piede sulla terra. Chissà se avrà mai fine, se le donne e gli uomini un giorno riusciranno ad essere alla pari in tutto. Un perfetto equilibrio.
Serena Menardi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.