DOMENICA SI VOTA

Movità 12-2008 del 9 aprile

Per l’occasione vi proponiamo una riflessione di Mons. Giovanni Nervo.

“Come si esprime e si realizza l’impegno per il bene comune, cioè di tutti e di ciascuno?
Anzitutto si contribuisce al bene comune con il proprio lavoro con cui ciascuno mantiene se stesso e la sua famiglia, compiuto con competenza e fedeltà, ed equamente rimunerato. In secondo luogo pagando le tasse per fornire alla comunità le risorse necessarie per organizzare i servizi necessari in una convivenza sociale. Se si ritiene fondatamente che le tasse siano eccessive o male amministrate, in una democrazia si opera, con la forza della partecipazione e del voto, perché le leggi vengano modificate, ma non ci si autorizza autonomamente a non pagarle. In terzo luogo con l’impegno politico. Non può essere senza significato il fatto che all’aumento dei numero di volontariato abbia corrisposto anche un aumento di coloro che ritengono necessario esprimere il proprio rapporto con la politica in una astensione dal voto o che comunque rifiutano ogni impegno prospettato nella chiave di un interesse generale.
Il volontariato è certamente una nobile espressione di solidarietà, ma viene dopo la responsabile realizzazione delle precedenti espressioni.
Essere cittadino volontario è una libera scelta: uno può essere un buon cittadino, anche senza essere volontario, mentre essere cittadino solidale è un inderogabile dovere: se non si è solidali non si è buoni cittadini. Se non si rispetta questa gerarchia di valori si possono creare situazioni contraddittorie e schizofreniche in cui si trascura il lavoro per cui si è pagati e si va a fare il volontariato.”

Dalla relazione al Convegno nazionale “Dalla doverosità del gratuito alla gratuità del doveroso”, Roma 1-2 ottobre 2004

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.