PERCHÈ IL VOLONTARIATO IN UNA SOCIETÀ COME LA NOSTRA? PER COMBATTERE LA FRATTURA DELLA CITTÀ

Movità 30-2007 del 26 settembre

La città postmoderna è un’enorme superficie lucidata sulla quali si può pattinare all’infinito. La città, storicamente lo spazio privilegiato per la civiltà, la socialità, l’incontro, la comunicazione, la partecipazione, si vede ridotta ad uno spazio senza referenze, uno spazio che non è più necessario per la vita. Uno spazio da attraversare alla più alta velocità possibile con l’obiettivo di arrivare quanto prima ai nuovi luoghi privilegiati nei quali sviluppare virtualmente la dimensione relazionale: “Il grattacielo degli individui di carne ed ossa –lamenta Barcellona- si è convertito in una strana torre di Babele nella quali tutti riescono a connettersi alla rete informatica però non riesce a parlare con il dirimpettaio”. Però la perdita della città reale a favore della città virtuale trascina con sé la perdita della politica reale. Non esiste politica senza città. Non esiste realtà della storia senza la storia della città. La città è la più grande forma politica della storia. La città è il luogo dei progetti e della progettualità. E’ il luogo della prossimità fra gli uomini, della organizzazione del contatto. La cittadinanza è la organizzazione dei progetti fra i gruppi, fra gli uomini, fra le sette, etc.

Con la perdita della polis viene anche la perdita della res publica, e con questa la sparizione del zoon politikon (animale politico). E a questo segue la perdita della comunicazione reale. Cala l’interesse per i luoghi e per la gente. La risposta allora deve essere quella di incontrare nuovamente la città come spazio privilegiato per la relazione sociale, riorganizzare il luogo della vita in comune. Non dobbiamo lasciarci tradire, ingannare dalla telecittà dopo la cine-città. Dobbiamo guardare in faccia il dramma e la tragedia della città-mondo. Questa città virtuale che estromette dai suoi confini il lavoro e la relazione con il prossimo. Ricreare la rete delle relazioni è un ruolo che può essere portato a termine solo da chi ha passione per l’uomo e vive questa passione con stile e gratuità. La città è il nuovo scenario della cittadinanza responsabile.


La redazione di Info-MoVI

Torna all’indice

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.