donne e violenza

Lea Garofalo, come le tre sorelle Mirabal (alla cui memoria è stata istituita la giornata contro la violenza sulle donne), dovrebbe diventare il simbolo italiano della lotta contro la violenza sulle donne. La prima, uccisa dall’ex compagno perché colpevole di aver collaborato con la Giustizia contro le mafie, doppiamente vittima: di violenza familiare e vittima di mafia; le altre, vittime della violenza politica maschile. Migliaia sono le donne uccise da un marito-fratello-fidanzato violento; più di un milione di donne in Italia finisce nella rete dei soprusi al maschile e vittime della violenza familiare. Un primato che mai avremmo voluto avere. Considerare le donne come un qualsiasi oggetto da comprare, usare e poi gettare come ferro vecchio. O peggio: distruggere affinché nessun altro possa usarlo. Questo è il frutto di una cattiva educazione sociale, un educazione mancata fin dall’adolescenza. Un società che non educa è una società che fa del male a se stessa; siamo costretti ad eleggere il 25 novembre “La Giornata contro la violenza sulle donne” per riportare l’attenzione sul problema del rispetto della dignità femminile, troppe volte ostacolata da pregiudizi culturali. Se la sensibilità nei confronti della violenza di genere è cresciuta e gli strumenti per contrastarla ci sono, il fenomeno resta sempre più difficile da estirpare perché il tacere, il subire, la convinzione di riuscire a cambiare l’altro, il tentativo di tenere unita la famiglia, sono radicati nella donna. Per combattere questa piaga bisogna aumentare in numero dei Centri antiviolenza, anche residenziali, dove le donne possono trovare accoglienza ma soprattutto realizzare una più incisiva ri-educazione dei giovani alla non violenza in genere e di genere.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.