DOPO IL COMITATO REGIONALE SI INSEDIA IL COMITATO DI GESTIONE

Movità 41-2007 del 12 dicembre

Dopo l’insediamento avvenuto oggi, 12 dicembre 2007, del  Comitato Regionale del Volontariato, verrà convocato, nei prossimi giorni, anche il nuovo Comitato di Gestione del Fondo per i Centri Servizi al Volontariato (CoGe). Questo organismo ha la funzione,  prevista dalla legge del volontariato n.266/91, di erogazione e di controllo dei soldi che le Fondazioni Bancarie mettono a disposizione del volontariato. Il dibattito in Italia sul ruolo del CoGe è molto articolato: si va  dall’ipotizzare che questo ente faccia solo il passa-soldi al centro Servizi per il Volontariato, senza eccesivi controlli, fino a proporre una funzione forte di indirizzo e proposta delle attività sul territorio, determinando orientamenti, obiettivi e qualità. Questa  polemica è sostenuta fortemente dalle fondazioni bancarie, “costrette” dalla legge a versare i soldi al volontariato senza avere una ricaduta forte ne di immagine ne di mercato. I Centri Servizi per il Volontariato finiscono per restare abbastanza stritolati in questa diatriba. Come uscirne?
Il 5 dicembre, giornata internazionale del volontariato, il ministro della solidarietà sociale Paolo Ferrero ha convocato i componenti di sua nomina nei Comitati di Gestione di tutte le regioni di Italia e assieme hanno iniziato a definire dei criteri affinchè l’ingente massa di denaro messa a disposizione dalle Fondazione Bancarie diventino una risorsa per il volontariato ma nell’ottica di aumentare il capitale sociale in Italia.
Alcune prime indicazioni che andranno a costituire l’ossatura di un regolamento proposto dal ministero degli Affari Sociali:
– estendere la durata in carica di 3 anni ai CoGe, superando l’attuale normativa che prevede soli due anni a modo che coincida con la durata del mandato all’organo da controllare (Centro Servizi); non ci può essere interruzione di funzioni e di agibilità.
– ecludere in maniera categorica la possibilità che ci sia una sola associazione che assume la gestione del Centro Servizi, ma ipotizzare
che ci siano reti che sviluppino la massima partecipazione nel coinvolgimento del volontariato.
– iniziare a costruire dei modelli omogenei (format) per dei confronti sia a livello locale che nazionale sulla qualità delle prestazioni e
sulla ricaduta nei territori.
– deve restare in capo al CoGe il ruolo di verificare se i bisogni del territorio e del volontariato sono soddisfatti.
– onde evitare che il Centro Servizi diventi  uno strumento di autoreferenzilità ed assuma un ruolo politico che non gli compete, il CoGe dovrà sostenere tutti gli strumenti che favoriscano decisioni e processi partecipativi atti alla formulazione degli orientamenti del volontariato nei territori e alla crescita di rappresentanze qualificate.
– Ai componenti del CoGe vengono richiesti alcune attenzioni particolari:
a) garantire che la promozione del volontariato sia l’obbiettivo prioritario per il Centro Servizi.
b) fare attenzione che il  rapporto tra spese di gestione e servizi forniti al volontariato siano congrui.
c) vigilare per evitare conflitti d’interesse tra chi dispone delle risorse e chi le utilizza.
d) avviare un processo di valutazione della qualità dei progetti finanziati anche in relazione ai Piani di Zona e all’integrazione sul territorio.
e) esigere la più completa trasparenza e informazione su quanto avviene al Centro Servizi e richiedere, anche con iniziative rivolte alla cittadinanza, una maggiore visibilità e conoscenza di quanto viene fatto.

Ci pare ci siano le premesse per iniziare un buon lavoro.

La redazione di Info-MoVI


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.