EMERGENZA CALDO PER GLI ANZIANI? DIAMO I NUMERI!

Movità 26-2007 del 13 luglio

Il Ministero della Salute ha attivato, come lo scorso anno, il numero telefonico 1500 (gratuito) sui rischi delle ondate di calore. Tutti i giorni a partire dal 1° giugno e fino al 31 agosto, dalle 8.00 alle 20.00, operatori appositamente formati, insieme a personale medico, risponderanno ai quesiti degli utenti e offriranno informazioni e consigli su come difendersi dai rischi del caldo. Inoltre in 19 città è stato predisposto un servizio di previsione delle ondate di calore.
La Regione Friuli Venezia Giulia (Centro Regionale di informazione sulle ondate di calore) ha attivato un numero verde: 800 007 800. Il numero è gratuito ed è attivo tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 20, dal 15 giugno al 31 agosto.

Si tratta di servizi sicuramente importanti che nascono dopo lo “scandalo” dei molteplici decessi  per colpo di calore tra gli anziani  nell’estate 2003 (soprattutto in Francia, Germania e Spagna).
L’esperienza di quella funesta estate ha insegnato che bisogna essere preparati alle avversità atmosferiche ma ha anche fatto capire che le fragilità dipendono oltre che dalle condizioni di salute e dall’età anche da altre cause: l’isolamento (anziani che vivono soli), le condizioni abitative, vicini e comunità locali distratte, mancanza di informazione, di assistenza sociale e medica adeguata, aspetti questi che proprio perché non eccezionali sono facilmente individuabili e dunque controllabili.

Ricordiamoci allora dei nostri anziani tutto l’anno e approfittiamo della pausa estiva magari per rinsaldare quella rete di solidarietà e di attenzione che in fondo è più importante e più utile di pur meritevoli servizi: passiamo a trovarli, scambiamo quattro parole, facciamo gli sapere che ci siamo.
E nello stile che contraddistingue il volontariato, sollecitiamo le nostre comunità e le istituzioni a fare quello che serve tutti i giorni per non dimenticarci dei nostri nonni.

La redazione di Info-MoVI

 


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.