Fare scuola ai tempi del Coronavirus

Le scuole di Vo’ sono state le prime ad essere chiuse per Coronavirus. Ma i suoi alunni, da giovedì, faranno lezione da casa, online. Il dirigente Alfonso D’Ambrosio ha attivato subito una rete «per restituire “normalità” ai bambini. Basta un’ora al giorno per restituire la voce dei loro insegnanti ai nostri piccoli, attraverso una lettura, una riflessione. Chi ha voglia di aiutarci, anche con un intervento divertente, mi scriva». Un’idea da copiare
Alfonso D’Ambrosio da pochi mesi è dirigente scolastico. La sua sede di servizio è l’Istituto comprensivo di Lozzo Atesino, sui Colli Euganei. Nove scuole, tre dell’infanzia, quattro primarie e tre secondarie di primo grado, dislocato su tre comuni: Lozzo Atestino, Cinto Euganeo e Vo’ Euganeo. Proprio le scuole di Vo’ sono le prime scuole d’Italia ad essere state chiuse, già da sabato 22 febbraio, per l’emergenza Coronavirus. Varchi controllati e quarantena. Eppure.
«Come Dirigente dell’Ic Lozzo Atestino ho avviato in queste ore una rete di scambio tra i miei docenti che ha lo scopo di restituire “normalità” ai nostri bambini e bambine. Da giovedì tentiamo il percorso di lezioni online. Lo faremo prima di tutto per la nostra comunità, con un pensiero costante agli studenti, ai genitori, ai docenti di Vo’ Euganeo, uno dei 3 comuni su cui è il nostro comprensivo. Lo faremo in rispetto della privacy, ma lo faremo con il cuore.
Basta un’ora al giorno per restituire la voce dei loro insegnanti ai nostri piccoli alunni, attraverso una lettura, una riflessione. Lo faremo utilizzando piattaforme gratuite. Se qualche insegnante, qualche esperto ha voglia di aiutarci, anche con un intervento divertente, curioso, mi scriva», ha scritto domenica mattina su Facebook. Il post ha già 110 commenti: c’è chi si offre per lavorare su problemi matematici di tipo argomentativo a distanza con i ragazzini di quarta e quinta, chi propone di collegarsi in videoconferenza con la sua seconda primaria per costruire insieme ebook, chi è disponibile a condividere i corsi classroom con le classi di quella scuola, chi dalle scuole di Codogno chiede aiuto per replicare le soluzioni trovate.
Continua a leggere su vita.it

Sara De Carli

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.