Servizio Civile Universale: 1 volontario su 2 non ci sarà più.

Il Servizio Civile Universale è, per i giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni di vivere un anno di esperienze a servizio della comunità. Un anno che da sempre rappresenta un’opportunità di crescita, ricca di esperienze vicine alle necessità della comunità. “Il Servizio Civile è diventato una risorsa irrinunciabile, preziosa per chi ne beneficia ma anche e soprattutto per i ragazzi che, con la decisione di dedicare la propria vita agli altri, vivono esperienze di arricchimento e crescita” Roberto Fico, 2 giugno 2018
Nel prossimo triennio i Fondi Nazionali destinati al Servizio Civile Universale saranno dimezzati.
Dallo Schema della Legge di Bilancio 2020 emerge che il Governo ha stabilito una diminuzione delle risorse. 139 mln per il 2020, 99 mln per il 2021, 106 mln per il 2022 contro gli oltre 300 mln del 2018.
Verranno dimezzati non solo i fondi, ma anche il numero dei volontari del SCU.
Un volontario su due non ci sarà più. Un opportunità che andrà sprecata.
A Padova, Capitale del Volontariato, il Presidente Sergio Mattarella è intervenuto sottolineando l’importanza del Servizio Civile Universale dicendo:
“confidiamo che possa ridursi lo scarto tra le richieste dei giovani e i posti che si renderanno disponibili.
E’ proprio la passione che può sconfiggere l’indifferenza, che inizia nei confronti delle difficoltà e delle sofferenze degli altri. Commette un errore chi pensa che l’ impegno volontario, e i valori che esso trasmette, appartengano ai tempi residuali della vita e che non incidano sulle strutture portanti del nostro modello sociale. La dimensione della gratuità, unita alla responsabilità civica e a un forte desiderio di condivisione, produce riflessi e crea interrelazioni con ogni altro ambito della vita sociale”.
Cosa significa tutto questo per i volontari?
Al Mo.V.I. di San Daniele il Servizio Civile Universale è iniziato a metà Dicembre. Io, che scrivo, sono proprio una delle nuove volontarie di SCU. Forse vi sembrerà poco tempo per capire cosa succede e cosa sarò portata a fare. Sì, lo penso anche io, ma ho già avuto modo di accorgermi di alcune cose.
Mi sono sempre sentita parte e partecipe della comunità. Spesso mi sono accorta, probabilmente per questione caratteriale, di farmi carico di valori, ideali, esigenze degli altri. Perché anche mie.
Ma credo anche che vivere in solidarietà con gli altri crea e sviluppa la comunità. Prendere parte al SCU, fare volontariato, essere accorti, sensibili alle esigenze altrui è una necessità essenziale per l’esistenza stessa del concetto di comunità. Proprio per questa ragione ho deciso di aderire al servizio civile, immergermi in questa esperienza. Per conoscere, per aprire gli occhi di fronte alle esigenze della comunità dove sono cresciuta e vivo.
Voglio farvi capire meglio l’importanza, che ha per me, tutto questo immaginando di vivere in un altro mondo, fantasioso.
Immaginatevi di vivere in un mondo diverso. Appena nati vi verrà affidato un maglione colorato e dovrete vestirvi per il resto della vita solo con maglioni di quel colore. Maglioni blu.
Noterete, crescendo, che “i maglioni blu” hanno delle restrizioni nella vita quotidiana. Non possono accedere a vari servizi. Troverete divieti di fronte a tutte le scale, perché “i maglioni blu non possono fare le scale”. Troverete divieti di accesso nei supermercati, perché “è fatto divieto ai maglioni blu di fare la spesa”. Non potrete guidare ma macchina. Noterete anche che “gli altri maglioni” vi evitano. Non tutti, ma una gran parte.
Come vi sentireste? Forse quel maglione vi fa sentire soli, isolati, inadeguati e diversi, anzi, marchiati.
Qualche maglione di un altro colore, potrebbe accorgersi di tutte le cose che non vi è permesso fare. Magari un giorno faranno la spesa per voi. Magari guideranno al posto vostro. Magari si faranno carico di trovare una soluzione per permettervi di fare le scale.
Ora, è ovvio… Non sarà il mio o vostro maglione blu nell’armadio, in questo mondo, a costringerci a tutto questo. É ovvio che io non stia parlando di maglioni, o di colori. Ma di esigenze che esistono nelle nostre comunità. In tutte le comunità. Basterebbe aprire gli occhi, dare uno sguardo a chi ci sta vicino e chiedersi una volta in più come si possa essere d’aiuto. Magari pensando a quel che possiamo fare per alleggerire chi “il maglione blu” lo indossa.
È qui, proprio qui, che entra in gioco il Servizio Civile. Permette di acquisire questa consapevolezza. Permette di agire nel rispetto del principio di solidarietà su cui si fonda il nostro bel paese.
Per questa ragione è così importante il Servizio Civile.
La Rappresentanza dei volontari ha lanciato su Change.org la petizione per salvaguardare i fondi destinati al Servizio Civile Universale. Al momento sono state raccolte poco più di 3000 firme, non ancora sufficienti per farsi sentire, per lanciare un segnale.
Dagli occhi di chi il Servizio Civile l’ha appena cominciato può solo risultare assurdi pensare che “valga così poco” l’impegno dedicato alla comunità.
Quindi l’invito è il seguente: informatevi e sostenete la raccolta firme.
Per saperne di più:
Per firmare la petizione:
Michela Giovanatto

One comment

  1. Mi rammarico alla notizia che i fondi x il servizio civile è dimezzato e mi lascia ancor di più un amaro in bocca pensando che i nostri politici hanno solo l’interesse a ciò che li mette in “ bella vista “ e non a chi si dedica a cose significative della nostra vita quotidiana gpaolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.