Festival del Volontariato spunti di riflessione

Si preannuncia un momento importante di confronto il Festival del Volontariato
La quattro giorni dedicata al Volontariato sarà inaugurata da un ricordo speciale dedicato a Maria Eletta Martini, madre del volontariato italiano. Venuta a mancare nel dicembre 2011, Eletta Martini presiedette organizzazioni cattoliche giovanili, fu staffetta partigiana, poi nella DC. Entrò in Parlamento nel 1963 come deputata. Fu anima ispiratrice della legge quadro n. 266 del 1991 sul Volontariato. Una donna che ha testimoniato la forza del dialogo e la coerenza tra esperienza di vita e attività istituzionale. Il periodico VolontariatoOggi ce ne offre una accorata memoria nel n. 3/2012, con le relazioni del giurista Nicolò Lipari, che è stato tra gli esecutori della legge n. 266/91,  e di Monsignor Giuseppe B. Pasini, presidente della Fondazione “E. Zancan” di Padova.
Il contenuto di questi interventi fa nascere alcune domande per una riflessione comune sul  ruolo futuro del volontariato. “Bisogna passare dalla doverosità del gratuito alla gratuità del doveroso”, afferma Lipari. La parola comunità deriva infatti dalla radice latina “munus”, che è composta dai concetti di dono e di dovere. Ecco che siamo di fronte a un bivio. Se Volontariato diventa dovere, rischia di restare al di fuori della società. Un atto che ci rende speciali, atipici. Invece oggi è necessario capovolgere l’ottica verso il dono.  In un contesto di crisi sociale e politica come quello contemporaneo, dove si percepisce uno scollamento tra società civile e sistema politico, il dono, la gratuità sono anche l’adempiere i doveri personali e istituzionali. In questo modo  il volontariato può diventare modello di cittadinanza  che resta dentro  la società, quando la gratuità viene restituita a una dimensione di appartenenza collettiva. Da questa visione anche il titolo che quest’anno caratterizza il festival del Volontariato: “Dentro tutti”. Recuperare il ruolo politico del volontariato è un passo importante, per includere tutti nel volontariato come impegno sociale.
Non è sufficiente chiedere con quale metodo, programma o tecnica di insegnamento operi, è necessario domandarsi come si debba essere per potere utilmente operare”, diceva don Milano riferendosi alla scuola. Ma si può anche applicare alla sfera del volontariato, quando diventa alibi per le inadempienze istituzionali, un assetto di persone puramente operativo.
Monsignor Pasini sottolinea invece come Eletta Martini colse l’impulso del Concilio Vaticano II nel suo impegno sociale e politico. Un atteggiamento di apertura che la rese presenza attiva e dialogante nel mondo politico, del sociale e della scuola.
Tra i temi principali individuati e che verranno affrontati al Festival del Volontariato ricordiamo: il rapporto fra volontariato e scuola e l’educazione al volontariato; il  futuro del servizio civile e dei Movimenti per la pace, le prospettive del Volontariato di Protezione Civile, dei Beni Culturali, legato alle problematiche del carcere;  i cambiamenti in atto nel welfare italiano e il ruolo delle comunità locali, la mappa delle buone prassi fra pubblico e privato sociale. Altri temi saranno poi il ruolo del Volontariato nel contesto europeo, la comunicazione e l’informazione sociale, la cultura del dono e della donazione.di Francesca Gallini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.