Giornata rifugiato…nulla cambia

Delle oltre 170mila persone sbarcate sul territorio italiano nel 2014, al 1° gennaio 2015 quelle accolte e rimaste nelle diverse strutture di prima e seconda accoglienza sono poco meno di 66mila, cioè poco più di un terzo. Lo ha sottolineato il direttore della fondazione Migrantes, monsignor Giancarlo Perego, presentando l’ultimo rapporto della fondazione in vista della 101ª Gior­nata mon­diale del migrante e del rifu­giato. Perego precisa che non si può parlare di “invasione” e che, se non governata correttamente, la paura che ha portato alla nascita di partiti nazionalisti in Europa “può diventare un motore di involuzione sociale ed economica”. “Gli emi­granti ita­liani – oltre 4.500.000 – stanno rag­giun­gendo il numero degli immigrati in Ita­lia, sti­mati in circa 5 milioni”, sottolinea Perego. Il pro­blema invece sta nella man­canza di poli­ti­che di inte­gra­zione e di buona acco­glienza, soprat­tutto per i minori non accompagnati. L’instabilità in Medio Oriente Le guerre in Medio Oriente e Africa hanno fatto impennare i dati sui rifugiati e sfollati interni nel mondo. In base all’ultimo rapporto dell’Alto commissariato di Ginevra sono 46,3 milioni le persone nel mondo che hanno dovuto lasciare la propria casa a causa di una guerra, un numero in crescita di 5,5 milioni solo nei primi sei mesi dello scorso anno. In crescita anche le richieste d’asilo, pari a 558.600 (+18%) in 172 Paesi o territori. I nuovi richiedenti asilo si sono rivolti principalmente a Germania (con 67.400 domande), Stati Uniti (47.500), Francia (29.900), Svezia (28.400), Turchia (27.800) e Italia (24.500). Secondo le cifre del rapporto l’Italia ospita oltre 76mila rifugiati mentre deve ancora dare una risposta a 22mila richieste di asilo politico. Il messaggio del Papa “Alla globalizzazione del fenomeno migratorio occorre rispondere con la globalizzazione della carità e della cooperazione, in modo da umanizzare le condizioni dei migranti. Nel medesimo tempo, occorre intensificare gli sforzi per creare le condizioni atte a garantire una progressiva diminuzione delle ra-gioni che spingono interi popoli a lasciare la loro terra natale a motivo di guerre e carestie, spesso l’una causa delle altre”. Questo il messaggio di papa Francesco per la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato 2015.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.