GIOVANI E VOLONTARIATO: I MESSAGGI DEI GIOVANI

Movità 20-2008 del 5 giugno

Secondo l’ultima ricerca IARD, Rapporto giovani, sesta indagine sulla condizione giovanile in Italia (Bologna, 2007), la percentuale di giovani impegnati in associazioni di vario livello è in calo anche sensibile, ma è in esponenziale aumento il numero di giovani che ritengono fondamentale l’impegno sociale: l’incidenza è passata da 16,9% del 2004 al 27,3% del 2007.
Se ci fosse bisogno di un ulteriore indicatore riportiamo questo dato: in Italia dal 1995 al 2003 il numero di volontari medio per associazioni è passato da 58 a 39 unità. Sono aumentati i volontari, ma contemporaneamente sono aumentate, in proporzione maggiore, le associazioni (indagine ISTAT 2003). I 45.000 nuovi giovani entrati nel mondo della solidarietà in maniera organica e strutturale si sono spesso costruiti un proprio contenitore, una propria associazione, manifestando desiderio di partecipazione, volontà di cittadinanza attiva, ma anche difficoltà a relazionarsi con le istituzioni e con il terzo settore già esistente.
Le nuove generazioni lanciano messaggi e segnali di impegno rivolti alla costruzione di una società coesa, segnali e messaggi che non trovano, troppo spesso, risposta ed attenzione.
Secondo il MoVI questa situazione sottolinea la necessità di un’azione organica forte e strutturata rivolta ai e in dialogo con i giovani. Un’azione che si muova su differenti livelli: lessicale, informativo, formativo, animativo e di partecipazione rivolto alle giovani generazioni, un percorso che ricucia termini e valori come diritti umani, legalità, società e impegno offrendo molteplici contenitori di stimoli e approfondimenti.

La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.