LE VECCHIE E NUOVE FUNZIONI DEL VOLONTARIATO

Movità 38-2007 del 21 novembre

Oggi, allora, il volontariato deve riscoprire le sue funzioni per intrecciarle immediatamente in azioni credibili che possano essere comprese da tutti i cittadini. Questo è ciò che dovrà ispirare profondamente l’azione del volontariato nei prossimi anni: riscoprire e rendere visibili le funzioni sociali che vuole avere e che lo guidano.

  1. Cultura della solidarietà: il volontariato ha il compito importante di testimoniare, difendere e diffondere nell’opinione pubblica del Paese gli ideali che ispirano la cultura della solidarietà per una mobilitazione etica diffusa, non di élite, che si allarghi a tutti gli ambiti della vita sociale.
  2. Centralità della persona: il volontariato ha il compito di ricordare la centralità della persona, di ogni persona …
  3. Un impegno politico a favore dei più deboli: il volontariato sceglie come suo ambito prioritario l’attenzione alle fasce più deboli …
  4. Una politica di prevenzione dell’emarginazione: il volontariato vuole essere come una sentinella nella società, capace di leggere e cogliere gli avvenimenti nella loro fase nascente in modo da affrontarli prima che diventino patologici, per incidere sui meccanismi che generano ingiustizia ed esclusione.
  5. Ricostruire e rivitalizzare le comunità: il volontariato è la punta dell’iceberg, l’espressione visibile, della capacità di auto-organizzazione e solidarietà diffusa nelle nostre comunità locali. Compito del volontariato è oggi più che mai salvaguardare e sviluppare queste capacità informali e spontanee, non professionali e gratuite che rappresentano il vero tessuto connettivo dei nostri paesi e quartieri e che non sarà mai sostituibile con nessun servizio, leggero o pesante, pubblico o privato che sia. …
  6. Riscoprire la gratuità: in un momento storico in cui l’economia sembra essere l’unico soggetto titolato a definire ciò che vale e ciò che non vale, il
  7. volontariato ha la funzione di ricordare e testimoniare il valore della gratuità che non è solo una questione legata al denaro, ma è vivere senza secondi fini, mettendo al centro l’impegno per la solidarietà e il bene comune, il bene di tutti.
  8. Una concezione alta e leale verso le istituzioni: in un momento di grave crisi istituzionale e screditamento di tutto ciò che è pubblico agli occhi dei cittadini, il volontariato ha il compito di ricordare e promuovere una concezione alta e leale nei confronti delle istituzioni, promuovendo un loro costante miglioramento, una cultura della legalità e pratiche di collaborazione tra i diversi soggetti che, a vario titolo, partecipano alla gestione e alla costruzione dei beni comuni.

Per definire i nuovi ruoli che il volontariato dovrà assumere occorre, quindi, guardare fuori e dentro di noi. Per mantenere la duttilità e rilanciare il suo “carisma” innovativo ed anticipatorio, il volontariato deve essere capace di aprirsi al nuovo, restando ancorato alla propria tradizione di gratuità, di ascolto e di altruismo.

tratto da La Talpa e la Giraffa:  testo completo


La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.