DUE RISCHI NASCOSTI SUL CAMMINO

Movità 37-2007 del 15 novembre

“Rischi forti perché sono anche tentazioni non solo interne al movimento, ma che provengono da soggetti culturali, sociali, politici, istituzionali che tendono a utilizzare
strumentalmente il volontariato, magari riducendone la carica di innovazione culturale e socio-economica, di denuncia e di partecipazione. Il primo è il rischio della riproposizione di un volontariato individualistico. Un volontariato che ti fa star bene, ma che ti porta, inevitabilmente, a fare assistenzialismo perdendo la tensione al cambiamento. Il volontariato dell’”aiutare chi resta indietro”, senza preoccuparsi più di costruire una società in cui tutti abbiano le stesse possibilità e nessuno resti indietro. E’ il rischio di costruire un volontariato apolitico, nel senso di un volontariato che non si pone obiettivi dicambiamento sociale. Ma è anche il rischio di un volontariato che diventa sensibile alla clientela con la politica, perché il volontario tende a esprimere “gratitudine con il suo voto” al politico che consente il raggiungimento degli
immediati obiettivi associativi, chiudendo magari un occhio e rinunciando ad essere critico nei confronti dell’azione politica nel suo insieme.
L’altro rischio è quello del mercato della solidarietà. Non intendiamo dire che non si possa lavorare nei servizi sociali, anzi affermiamo sempre più la necessità che persone motivate, magari provenienti dal no-profit, decidano di impegnarsi professionalmente in questo settore. La preoccupazione è un’altra: verifichiamo una profonda trasformazione di molte esperienze da volontariato a qualcosa di non molto preciso e chiaro, che nulla ha a che fare con il volontariato e che è
ispirato solo dalla logica degli affari. Una sorta di mercato della solidarietà troppo pervasivo, che rischia di distruggere profondamente la crescita della comunità perché trasforma ciò che è gratuitamente doveroso, ciò che cementa e fonda i legami sociali, in oggetto di scambio monetario.”

tratto da La Talpa e la Giraffa:  per approfondimenti clicca


La redazione di Info-MoVI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.