GUARDANDO I CONTI CON GLI OCCHI DELLE PERSONE FRAGILI

Movità 39-2010 del 17 novembre

Porta il nome di “Legge di stabilità 2011” il provvedimento del Governo all’esame della Camera in queste ore, che una volta approvato metterà a dura prova il sistema di protezione sociale, che nel nostro paese cerca di dare attuazione ai doveri costituzionali di solidarietà e rimozione delle disparità, rischiando di rendere ancor più critiche le condizioni di vita di migliaia di persone  deboli (disabili, anziani, famiglie in difficoltà) che sono tra le prime a risentire in questi anni delle conseguenze della crisi economica globale. Molti i tagli previsti, vediamone alcuni.
Il Fondo Nazionale per le non autosufficienze, istituito nel 2006 con l’obiettivo di sviluppare prestazioni mirate alla “attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali”, verrebbe definitivamente azzerato a seguito di questo provvedimento, mettendo  fine a molti percorsi di presa in carico delle persone con disabilità da parte dei servizi.
Prevista una drastica riduzione anche per il Fondo per le politiche sociali che metterà ancor più in difficoltà gli enti locali, che hanno il compito di erogare servizi alla persona che sono la prima linea di risposta all’ondata di disagio causata dalla crisi in un momento in cui già facevano fatica a tenere in piedi percorsi di inclusione e autosufficienza per disabili e anziani.
Un significativo taglio  interesserà il Fondo nazionale per il diritto al lavoro dei disabili. “Senza servizi, senza opportunità, senza reddito, senza politiche mirate all’inclusione, l’unica alternativa prospettata dallo Stato resta solamente quella della reclusione”, afferma la Federazione Italiana Superamento handicap (FISH)  in un comunicato di ieri: “È una prospettiva apocalittica – commenta il presidente della FISH, Pietro Barbieri – quella che si presenta ai cittadini con disabilità che assisteranno al rapido erodersi di quei pochi diritti ad oggi loro garantiti”.
Tra gli altri tagli, è prevista una drammatica riduzione, del 75% rispetto allo scorso anno, dei fondi per il 5 x mille. Un ulteriore taglio introdotto da queste misure che andrebbe oltremodo a penalizzare organizzazioni che da esso traggono un utile sostegno nello sviluppo delle loro attività e dei loro servizi in favore della promozione dei diritti delle persone più fragili.
Questi tagli ci sollecitano ad avere ancora più attenzione e a vigilare, per essere pronti con ogni mezzo a far sentire la voce dei più deboli perchè siano garantiti i loro diritti minimi.


La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.