IL DISAGIO ADULTO, LA SOLITUDINE

Movità 19-2009 del 27 maggio

Collegato al tema del disagio mentale e più in generale al fenomeno della crescente disgregazione del tessuto sociale delle molte piccole comunità che caratterizzano la nostra regione, c’è il tema del disagio degli adulti e della crescente solitudine e isolamento sociale di molte persone.
Riteniamo prioritario rimettere la socialità al centro di tutte le politiche pubbliche: sarà necessario ripensare le politiche del lavoro, favorendo tempi di vita che privilegino e permettano alle persone di tornare a dedicare tempo alla cura in famiglia e alla crescita del territorio; le politiche urbanistiche devono tornare a mettere al centro le persone e la comunità; le politiche culturali ed educative devono tornare a diventare strumenti per costruire legami sociali.
Questi fenomeni di disagio adulto sembrano oggi ancor più aggravati dalla crisi economica e dalla perdita di molti posti di lavoro. Le persone più colpite sono certamente le persone di mezza età, che più difficilmente sono in grado di riconvertirsi. Al di là di ogni questione ideologica, saranno necessari interventi e politiche anche orientate al reddito, per non far sentire queste persone come “esuberi” o peggio “poveri da assistere” ma costruendo reali possibilità di valorizzazione e partecipazione alla vita sociale e alla costruzione di beni comuni.

(tratto dal contributo del MoVI-FVG sul Libro Verde per il nuovo piano Socio-assistenziale: scarica il documento)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.