OSARE SOLIDARIETÀ

Movità 30-2010 del 9 settembre

L’associazione Luciano Tavazza di Roma, organizza un convegno
per ricordare il fondatore del MoVI in occasione della decennale della sua morte: leggi la notizia

Il contributo dell’azione volontaria alla rimozione delle radici dell’ingiustizia si attua appunto attraverso due ruoli: testimonianza di solidarietà nella storia di ogni giorno, impegno politico per una diversa qualità della vita di relazione nella comunità. Dove politica per noi vuol dire servizio. Siamo quindi in dovere di chiarire –anzitutto– i contenuti che noi attribuiamo alla espressione: «dimensione politica». Non è infatti ancora scomparso il pericolo di una cattiva, erronea lettura, da qualcuno fomentata per allarmare sul ruolo reale svolto dal volontariato. Si traduce con: dimensione politica, cioè di appoggio aperto e collaterale a singole organizzazioni di parte, schieramento aperto o dissimulato in favore di questo o di quello.
Una lettura da respingere sia sul piano teorico, perché una scelta del genere segnerebbe la dissoluzione dei gruppi, la perdita della loro libertà e indipendenza, sia sul piano storico, visto che almeno da dieci anni a questa parte tutte le organizzazioni di volontariato tendono a rafforzare la loro autonomia, a prendere le distanze dai partiti. Distanze opportune non per un rigurgito di stupido qualunquismo, ma per quella distinzione di ruoli che in democrazia è motivo di chiarezza e base di diversificata collaborazione. Ogni volontario sceglie a livello personale una sua collocazione di partito, che non deve mai diventare scelta di gruppo, di movimento, che è invece tenuto insieme da una comune «passione per l’uomo», da una «solidarietà al di sopra delle parti», da un «impegno d’onore a difesa e promozione dei non tutelati».

(da “Il cercatore di arcobaleni – il lungo cammino di Luciano Tavazza” a cura di Emanuele Alecci e Guido Turus)


La redazione

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.