Il dono e la gentilezza d’animo

Questo articolo vorrei dedicarlo alla bambina che oggi mi ha fatto un disegno. Uno dedicato
solo a me. Mi ha reso la giornata indimenticabile. L’ho incollato nel mio diario segreto in
modo da non scordarlo mai. Non credevo potessi avere rilevanza nella vita di una bambina
che ho visto solo due volte. L’affetto però è così, non si sceglie.
In questi mesi di servizio civile infatti ho ricevuto molti doni ed in ciascuno di loro ho colto un
gesto di trasparente gentilezza.
Che fosse un biscotto, un pomodorino, una lettera, un cuore di stoffa, un rametto di lavanda,
mi sono stati offerti con un sorriso luminoso, lo sguardo significativo e le mani giunte. Mi
chiedo perciò quale sia il valore di un gesto in perfetto equilibrio tra mente e cuore, come
quello del dono. Senza dubbio incommensurabile.
Un regalo pensato attraverso la nostra testa, ma che deriva in principio dal cuore perché si
vuole bene ad una persona, senza altro scopo se non quello di offrire una piccola parte della
nostra presenza.
Talvolta l’umano tende a banalizzare la gentilezza e la bontà d’animo per favorire un
carattere forte e all’altezza della società competitiva del mondo odierno.
Tutti indaffarati con la propria vita e se qualcosa va storto ai progetti ci si sente un fallimento;
se invece non si aiuta una persona nel momento del bisogno, sebbene una iniziale
sensazione di rammarico, poi non ci si pone più il problema a riguardo. Certamente è più
facile scegliere l’indifferenza per le persone che non si conoscono.
La vita però scorre veloce, è tutto temporaneo, nulla di certo e nulla di permanente.
Dovremmo perciò tenere sempre a mente che il vero scopo della nostra vita è quello di
essere innanzitutto delle brave persone. Se mai dovessi avere dei figli in futuro vorrei che
fossero per prima cosa delle buone persone. Non mi interessa quale mestiere faranno, chi
ameranno; queste sono scelte che loro faranno autonomamente. Io vorrei crescere degli
adulti che scelgano la generosità e il rispetto ogni giorno.
Uno degli aspetti in cui vorrei crescere è proprio una maggiore consapevolezza delle mie
azioni.
Io, nonostante piccola di statura e anche di età posso essere importante oltre che alla mia
famiglia, anche per qualcuno a cui non credevo di poter fare la differenza con il semplice
gesto di dedicare un po’ del mio tempo.
I ricordi di questa mia prima esperienza di servizio si stanno plasmando e ogni giorno vado a
casa felice, facendo tesoro di ogni piccolo accaduto avendo la possibilità di poter lavorare in
un ambiente così costruttivo e positivo.
Mi auguro che i mesi che mi attendono siano altrettanto rappresentativi.
Il mio desiderio più grande sarebbe quello di sorridere con spensieratezza e credo che
vivere esperienze di cura verso il prossimo sia la strada giusta per me.
Babita

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.