L’ultima goccia

Sono una goccia,
di preziosa acqua.
Sole impazzito
e umanità scellerata
mi stanno uccidendo.
Madre nuvola non sa, più, piangermi.
Arsa la bocca e sigillate le pupille,
non ha pioggia nel suo ventre.
Orfani di clorofilla,
gli alberi
innalzano i rami nudi.
I fichi son bottoni di cartone.
Cadaveri i semi del melograno.
È di paglia l’erba,
langhe brizzolate i fiumi,
cimiteri le foglie,
già secche a luglio.
Cielo terso spara calura,
l’uomo muore,
di sete e di guerra.
Svestito di saggezza,
incendia il verde e la vita.
In un mare di fuliggine
Madre nuvola ha prosciugato
anche l’ultima lacrima.
Io, piccola goccia,
tossisco e tremo,
ma posso ancora
dissetare una brace
appena nata
nella tana
di laboriose formiche.

Pierina Gallina

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.