Il mondo del “Non Profit” prende spazio

Terzo settore: Il mondo del “non profit” prende spazio
Aumenta la spinta per avviare presto la riforma complessiva del terzo settore. Il Cnv – Centro nazionale volontariato ha voluto promuovere, nei giorni appena trascorsi, una tre giorni quale evento specifico di settore, tenutosi nella città di Lucca, con l’intento di fare il punto sulle difficoltà e le prospettive del mondo del non profit, sostenere un ambito socio-economico che ha saputo creare, nel breve periodo, un bacino di poco meno di un milione di posti di lavoro.
Le nuove sfide del terzo settore, come rappresentato in uno degli interventi dei relatori invitati all’appuntamento Toscano e precisamente del Presidente del gruppo PSE al Parlamento Europeo, Gianni Pittella, sono in primo luogo la creazione dell’intergruppo del terzo settore in Europa al fine di promuovere, nei Paesi UE, la detassazione sulle donazioni e l’abbattimento sulle imposte del valore aggiunto, variamente denominate. L’appuntamento del Cnv a Lucca segue, a distanza di pochi mesi, il festival del volontariato, dove è stata lanciata/annunciata la riforma del terzo settore, considerando i rapidi cambiamenti in atto nel settore sociale, anche in virtù della quantità di cittadini impegnati nella sfera sociale.Indubbiamente, il mondo del volontariato, deve necessariamente guardare oltre i confini nazionali e spingersi verso una dimensione internazionale, come afferma il Presidente Cnv Edoardo Patriarca, che altresi’ aggiunge “insieme abbiamo focalizzato le sfide e i problemi di questo vasto settore che, come dimostrano recenti ricerche, e’ in crescita” ma per sostenere la riforma nei suoi punti fondamentali, ovvero: i destinatari del 5×1000 e loro monitoraggio, il servizio civile ampliato a 100.000 giovani, l’impresa sociale, ecc. si rendono necessari sostanziali e strutturali investimenti. Al contempo il settore necessita di maggiori e più incisivi criteri di trasparenza laddove, ad esempio, non tutte le strutture beneficiarie del menzionato 5×1000 ne avrebbero potuto godere dei relativi vantaggi, come anche i criteri seguiti per il necessario accreditamento nell’ambito onlus. Altra necessità segnalata, nel contesto convegnistico, e’ stata quella della realizzazione di un “registro unico” del terzo settore, come anche quello di dar vita ad un osservatorio internazionale e rilanciare il servizio civile europeo.

Stefano Olivieri Pennesi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.