ITALIA, MIGRANTI E DIRITTI DEI MINORI

Ho letto nella Newsletter n. 30-2014 notizie da MoVI l’appello dei partecipanti alla scuola di formazione politica ‘La rosa bianca’. Spero venga reso noto, sia diffuso ed efficace.

Vi scrivo però per porre una questione connessa, anche se non direttamente , all’argomento ‘mare nostrum’.

Nella prima pagina della Newletter n.30 del 5 settembre, riprendete la campagna “L‘Italia sono anch’io” e, grazie ai link con cui ne collegate i documenti, sono possibili importanti riletture.

Mi soffermo solo sull’ultimo dei 10 punti del Manifesto della campagna che recita

“10. Tutela dei diritti dei minori.

Tutti i paesi dell’Unione Europea devono proteggere i diritti dei minori stranieri sulla base di una parità di trattamento con i cittadini dei paesi di residenza e di transito. I minori stranieri sono inespellibili e in nessun caso può essere limitata la loro libertà personale”.

Chiedo: poiché i minori stranieri sono inespellibili mentre inespellibili non sono gli adulti privi di permesso di soggiorno (quale che sia la ragione per cui tale permesso non hanno o hanno perso) qualora genitori in condizione di irregolarità siano impediti dal cd pacchetto sicurezza (legge 94/2009 art. 1 comma 22 lettera g) a riconoscere i propri figli nati in Italia, saranno loro sottratti quei figli che, privi di certificato di nascita non hanno un’esistenza giuridicamente riconosciuta e quindi non ne sono noti, né registrati in quanto tali, i genitori?

Non mi si risponda che la circolare 19 (emanata a pochi giorni dall’approvazione del ‘pacchetto sicurezza’) consente quella registrazione che la legge nega!

E’ una considerazione che non può tranquillizzare nessuno che abbia a cuore i diritti dei minori e la nostra dignità di cittadini costretti a subire una norma esplicitamente razzista, punitiva nel nostro ordinamento di persone che hanno solo la ‘colpa’ di esistere. Anche in gruppo Convention on the Rights of the Child, nei suoi annuali Rapporti di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione Onu sull’infanzia e l’adolescenza ci ricorda che: “Il timore di essere identificati come irregolari può spingere i nuclei familiari ove siano presenti donne in gravidanza sprovviste di permesso di soggiorno a non rivolgersi a strutture pubbliche per il parto, con la conseguente mancata iscrizione al registro anagrafico comunale del neonato, in violazione del diritto all’identità (art. 7 CRC), nonché dell’art. 9 CRC contro gli allontanamenti arbitrari dei figli dai propri genitori. Pur non esistendo dati certi sull’entità del fenomeno, le ultime stime evidenziano la presenza di 544 mila migranti privi di permesso di soggiorno . Questo può far supporre che vi sia un numero significativo di gestanti in situazione irregolare”.

Non mi soffermo sulla questione rinviando a ciò che è scritto nella Newsletter n. 23 dello scorso giugno e attendo con fiducia la vostra risposta e il vostro impegno per accogliere il sollecito del Comitato ONU che ci viene proposto dal gruppo CRC nel suo più recente rapporto: “Il Comitato ONU è preoccupato per le restrizioni legali e pratiche al diritto dei minorenni di origine straniera di essere registrati alla nascita. In particolare, il Comitato esprime preoccupazione per come la L. 94/2009 sulla pubblica sicurezza renda obbligatorio per i non cittadini mostrare il permesso di soggiorno per gli atti inerenti il registro civile”.

Augusta De Piero

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.